ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Palestre e piscine pronte a riaprire anche contro le normative

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
palestra-

Le normative vigenti nelle zone rosse e arancioni in Italia prevedono la continuata chiusura dei centri sportivi e delle piscine fino a fine aprile, ma il settore freme per una riapertura anticipata.

Come riferito ad Adnkronos dal presidente dell’ANPALS (Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi) Giampiero Guglielmi, la prospettiva di una chiusura dei centri sportivi prorogata fino agli inizi di maggio ha portato molti del settore a protestare.

Secondo quanto sostenuto da Guglielmi, infatti, molte palestre stanno puntando a una riapertura anticipata il 7 aprile, nonostante le vigenti normative del Dpcm del 2 marzo e in vigore fino al 6 aprile. Il ritorno delle regioni italiane nelle fasce arancione e rossa ha prolungato la chiusura di strutture per il fitness (piscine e palestre) per tutto il mese di aprile.

“Non hanno più niente da perdere, anche contro le norme. Riapriranno dal 7 aprile, verbali o no”, ha riferito il presidente dell’ANPALS.

Guglielmi ha parlato anche di alcuni dati numerici, riferendo che dalle prime normative di restrizione dei centri sportivi a causa della pandemia, circa il 40% delle strutture è scomparso, mentre è salito il tasso di obesità. Guglielmi ha sostenuto che lo Stato italiano continua la chiusura perché “non si fida delle strutture sportive””, ribadendo la “facilità di controllare e monitorare” la situazione all’interno di una palestra per limitare il diffondersi del virus.

Su questa stessa linea, è intervenuto anche il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, che in un’intervista all’Adnkronos ha criticato la decisione del Governo di riaprire i centri di ristorazione e le scuole, ma mantenere chiuso il settore dello sport.

“E’ il settore più bistrattato del paese, sono offeso e drammaticamente arrabbiato”, ha ribadito. “Vogliono riaprire le scuole, lì si riesce a mantenere la sicurezza dal contagio? Ma mi facciano il piacere”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

10 febbraio e 10 marzo 2021 Prosegue la collaborazione tra

napoli

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte decise, nella sua prima

istat

La nota dell’Istituto: “L’economia italiana si affaccia a questa fase

ROMA. – Il 2019 è un anno “nero” per l’industria

Sono preoccupato per Fontana, sta perdendo la memoria e sembra

“Durante i 30 anni di applicazione della Legge 185/90, che

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.