#PANDEMIA: BIDEN FINANZIERÀ I VACCINI PER I PAESI POVERI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Biden_ExecutiveOrder

La Casa Bianca ha annunciato che l’amministrazione di Joe Biden intende destinare 4 miliardi di dollari a Gavi, la Vaccine Alliance, che verranno utilizzati dalla Covax Facility per distribuire il vaccino anche ai paesi poveri.
Due miliardi verranno dati al fondo sin da subito, mentre altri due miliardi nei prossimi due anni a patto anche anche gli altri paesi paesi facciano la loro parte.
Il denaro, che è stato stanziato l’anno scorso con un voto bipartisan del Congresso, darà una spinta fondamentale al fondo gestito da Gavi, dall’Organizzazione mondiale della sanità e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations.
Thomas Bollyky, direttore del programma sanitario globale presso il Council on Foreign Relations, ha sostenuto che il denaro è importante per Covax, che da un anno cerca di avere sufficienti fondi.
Covax prevede di iniziare a distribuire vaccini nella prima metà di quest’anno. Giovedì, Gavi ha annunciato un memorandum d’intesa con Novavax per 1,1 miliardi di dosi del loro vaccino, che si aggiunge ai precedenti accordi con Pfizer, AstraZeneca, Sanofi e Johnson e Johnson.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ringraziamo la Presidente del Senato Casellati perché ha imposto il

Resta da limare la parte del decreto di maggio sul

“L’Abruzzo si autodeclassa ad arancione, il Veneto resta avvinghiato alla

CODACONS: OBBLIGO IMPOSSIBILE DA RISPETTARE, MASCHERINE SONO INTROVABILI COMPAGNIA AEREA

Visitabile dal 18 luglio all’8 agosto. TORINO – Si inaugura

Nella notte tra l’11 e il 12 agosto Rynke ha

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.