Papa: “Chi non si commuove per sofferenze altrui non può dirsi cristiano”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
papa

“Chiunque non è in grado di vedere l’altro come un fratello, di commuoversi per la sua vita e la sua situazione, al di là della provenienza familiare, culturale, sociale, non può essere discepolo di Cristo: il suo amore e la sua dedizione sono un dono gratuito di tutti e per tutti”. Papa Francesco lo sottolinea nell’omelia della messa celebrata nel campo diocesano di Antananarivo, capitale del Madagascar, seconda tappa del suo viaggio apostolico in Africa.

Dal Papa viene poi ribadita la condanna del clientelismo e della corruzione. Dopo aver ricordato che “camminare al seguito di Gesù non è molto riposante”, il Pontefice osserva che “la vita nuova che Cristo ci propone sembra scomoda e si trasforma in una scandalosa ingiustizia per coloro che credono che l’accesso al Regno dei Cieli possa limitarsi o ridursi solamente ai legami di sangue, all’appartenenza a un determinato gruppo, a un clan o una cultura particolare”.
Ma, avverte il Papa, “quando la parentela diventa la chiave decisiva e determinante di tutto ciò che è giusto e buono, si finisce per giustificare e persino consacrare alcuni comportamenti che portano alla cultura del privilegio e dell’esclusione, favoritismi, clientelismi e quindi corruzione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

LUNGA VITA AI VOLONTARI IN AFRICA LONTANI DALLA RIBALTA DI

“Dobbiamo essere orgogliosi di artisti come la grandissima Dalida che

Sono ormai 18 anni che Genova è rimasta vittima di

“Visto che la collega Laricchia continua a diffondere cifre fantasiose,

Ne vedremo di belle sotto il Vesuvio quando l’anno prossimo

La Corte di Assise di Macerata, dopo cinque ore di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.