ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Papa Francesco sui migranti morti nel Mediterraneo: “È il momento della vergogna”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
papa

ll Pontefice ha ricordato la tragedia degli scorsi giorni in cui hanno perso la vita 130 persone

“Sono vite umane che per due giorni interi hanno implorato invano aiuto: un aiuto che non è arrivato”

“Fratelli e sorelle, interroghiamoci tutti su questa ennesima tragedia. È il momento della vergogna”. Con queste parole Papa Francesco, durante il Regina Caeli, ha ricordato la tragedia in cui sono morti 130 migranti nel Mediterraneo. “Sono persone, sono vite umane che per due giorni interi hanno implorato invano aiuto”, ha aggiunto.
“Sono molto addolorato”
Naufragio al largo della Libia, decine di vittime fra i migranti

“Vi confesso che sono molto addolorato per la tragedia che ancora una volta si è consumata nei giorni scorsi nel Mediterraneo – ha detto Bergoglio – 130 migranti sono morti in mare”. “Preghiamo per questi fratelli e sorelle – è poi l’invito del Pontefice – e per tanti che continuano a morire in questi drammatici viaggi. Anche preghiamo per coloro che possono aiutare, ma preferiscono guardare da un’altra parte. Preghiamo in silenzio per loro”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Roma  – “Per fare sul serio la lotta all’evasione fiscale

Francesco de Gregori, il ‘principe’ dei cantautori italiani, compie domenica

musumeci

“In Sicilia c’è l’80% di rinuncia del vaccino AstraZeneca. Su

conte

“I nostri Paesi stanno attraversando un momento di particolare difficoltà,

La conferenza finale del progetto Interreg Europe P2L2 sull’impiego di

TORINO – Anche Graphic Days® e Print Club Torino hanno

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.