ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Papa Francesco, vecchiaia non è malattia, ma privilegio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
papa

Il Pontefice: “L’indifferenza e il rifiuto che le nostre società manifestano nei confronti degli anziani devono far riflettere”
“La vecchiaia non è una malattia, è un privilegio”. Lo sottolinea il Papa, ricevendo in udienza il partecipanti al primo congresso internazionale sulla terza età, organizzato in Vaticano dal dicastero per i Laici e la Famiglia. “La solitudine – avverte Bergoglio – può essere una malattia, ma con la carità, la vicinanza e il conforto spirituale possiamo guarirla”. Il Pontefice guarda con preoccupazione al comportamento della società verso gli anziani: “L’indifferenza e il rifiuto che le nostre società manifestano nei confronti degli anziani, chiamano non solo la Chiesa, ma tutti, ad una seria riflessione per imparare a cogliere e ad apprezzare il valore della vecchiaia. Infatti, mentre, da un lato, gli Stati devono affrontare la nuova situazione demografica sul piano economico, dall’altro, la società civile ha bisogno di valori e significati per la terza e la quarta età. E qui soprattutto si pone il contributo della comunità ecclesiale”. Da qui il monito: “Vi chiedo che questa non resti un’iniziativa isolata, ma segni l’inizio di un cammino di approfondimento pastorale e di discernimento. Dobbiamo mutare le nostre abitudini pastorali per saper rispondere alla presenza di tante persone anziane nelle famiglie e nelle comunità”. Bergoglio chiede inclusione per la terza età: “Al giorno d’oggi, nelle società secolarizzate di molti Paesi, le attuali generazioni di genitori non hanno, per lo più, quella formazione cristiana e quella fede viva, che invece i nonni possono trasmettere ai loro nipoti. Sono loro l’anello indispensabile per educare alla fede i piccoli e i giovani. Dobbiamo abituarci a includerli nei nostri orizzonti pastorali e a considerarli, in maniera non episodica, come una delle componenti vitali delle nostre comunità. Essi non sono solo persone che siamo chiamati ad assistere e proteggere per custodire la loro vita, ma possono essere attori di una pastorale evangelizzatrice, testimoni privilegiati dell’amore fedele di Dio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

A Zurigo il nuovo WOW Museum accoglie il ritorno dei

Il primo modo di dire del 2021 è “avere la

Iva Zanicchi è finalmente tornata in televisione dopo aver sconfitto

10 febbraio e 10 marzo 2021 Prosegue la collaborazione tra

Alcuni prenotatari degli immobili realizzati dalla soc. Sogela costruzioni in

Chissà che paura s’è presa la Merkel quando ieri le

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.