Papa: “Non seguire chi diffonde allarmi e alimenta paura dell’altro”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
papa

I cristiani veri non seguano chi lancia allarmi e diffonde la paura nei confronti degli altri. E’ il monito che Papa Francesco lancia durante l’omelia della messa nella basilica di San Pietro in Vaticano, per la celebrazione della ‘Giornata mondiale dei poveri’.

“Non va seguito – avverte il Pontefice – chi diffonde allarmismi e alimenta la paura dell’altro e del futuro, perché la paura paralizza il cuore e la mente. Eppure – lamenta – quante volte ci lasciamo sedurre dalla fretta di voler sapere tutto e subito, dal prurito della curiosità, dall’ultima notizia eclatante o scandalosa, dai racconti torbidi, dalle urla di chi grida più forte e più arrabbiato, da chi dice ‘ora o mai più’. Ma questo non viene da Dio”. Infatti, spiega il Papa, “se ci affanniamo per il ‘subito’ dimentichiamo quel che rimane per sempre: inseguiamo le nuvole che passano e perdiamo di vista il cielo”. E tutto questo, esclama Francesco, “come è vero oggi!”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Anche quest’anno i dati del Rapporto Eurispes, presentato oggi a

ISPEZIONATI EDIFICI ABBANDONATI AUTOBUS e FERMATE Sono terminate questa mattina

“Innovazione – Ambiente ed Economia Circolare” a Torino Giorno 29

Ancora più dei numeri delle terapie intensive, “il dato allarmante

“Questa crisi economica è già diventata una drammatica crisi sociale.

Carlo Calenda, leader di Azione, si è così espresso su

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.