ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Papa: “Servono veri profeti, non parolai”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
papa

Il mondo ha bisogno di profezie e di veri profeti, non di chi si limita a parlare e promette cose che poi sa già che non potrà mantenere. E’ il monito di Papa Francesco, durante la celebrazione della messa nella Basilica Vaticana, nella solennità dei santi Pietro e Paolo patroni di Roma.

“La profezia – spiega il Pontefice – nasce quando ci si lascia provocare da Dio; non quando si gestisce la propria tranquillità e si tiene tutto sotto controllo. Quando il Vangelo ribalta le certezze, scaturisce la profezia. Solo chi si apre alle sorprese di Dio diventa profeta. E oggi abbiamo bisogno di profezia, di profezia vera: non di parolai che promettono l’impossibile, ma di testimonianze che il Vangelo è possibile”.

E allora, sottolinea il Papa, “non servono manifestazioni miracolose, ma vite che manifestano il miracolo dell’amore di Dio. Non potenza, ma coerenza. Non parole, ma preghiera. Non proclami, ma servizio. Non teoria, ma testimonianza. Non abbiamo bisogno di essere ricchi, ma di amare i poveri; non di guadagnare per noi, ma di spenderci per gli altri; non del consenso del mondo, ma della gioia per il mondo che verrà; non di progetti pastorali efficienti, ma di pastori che offrono la vita: di innamorati di Dio”.

E, poi, pregare per chi ci governa. Papa Francesco reitera questo invito, già espresso in precedenza nella fase di maggiore emergenza del coronavirus. I primi cristiani, ricorda il Pontefice, “non incolpavano ma pregavano; in quella comunità nessuno criticava, nessuno sparlava alle spalle. San Paolo esortava i cristiani a pregare per tutti e prima di tutto per chi governa. Si sentono tanti aggettivi qualificativi contro i governanti: li giudichi Dio, ma preghiamo per loro, hanno bisogno della preghiera. E’ un compito che il Signore ci affida. Lo facciamo? Oppure parliamo, insultiamo e basta?”, chiede il Papa.

“Dio si attende che quando preghiamo ci ricordiamo anche di chi non la pensa come noi, di chi ci ha chiuso la porta in faccia, di chi fatichiamo a perdonare. Solo la preghiera scioglie le catene, solo la preghiera spiana la via all’unità”, sottolinea il Papa.

Bergoglio scandisce ancora: “E’ inutile e pure noioso che i cristiani sprechino tempo a lamentarsi del mondo, della società, di quello che non va. Le lamentele non cambiano nulla”. Si chiede allora il Pontefice: “Noi oggi custodiamo la nostra unità con la preghiera? Preghiamo gli uni per gli altri? Che cosa accadrebbe se si pregasse di più e si mormorasse di meno? Chi oggi chiede una Chiesa profetica, stia zitto e inizi a servirla”, è il suo invito che risuona al tempo stesso anche come un monito.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo una riunione fiume, i partiti della coalizione di governo

smart

Il ministro della Pubblica Amministrazione pensa a una regolamentazione del

mattarella

La pandemia “è stato uno spartiacque per la Ue che

brunetta

L’ingresso di energie nuove nella Pubblica amministrazione per l’attuazione del

Dario Nardella nel penitenziario fiorentino rilancia l’idea della demolizione e

Più di un italiano su cinque (22%) è andato a

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.