PARADISI FISCALI: A CHE GIOCO GIOCA L’UE?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
soldi

Le Isole Cayman sono universalmente considerate il paradiso fiscale per eccellenza, dato che lì la tassazione per le aziende è pari a… zero!

Non a caso, secondo i Paradise Papers, proprio dalle Cayman passano diversi miliardi di fondi sospetti.

Eppure l’Ecofin (composto dai 27 ministri delle Finanze europei) ha deciso di escludere le Isole Cayman dalla blacklist dei paradisi fiscali…

Riuscite a crederci?!

Le Cayman sono uno dei paradisi fiscali che sottraggono più gettito fiscale agli altri paesi secondo Oxfam, e sono al 1° posto su 130 nella lista dei paesi con la legislazione fiscale più opaca secondo Tax Justice Network.

Perché allora l’Europa continua a tollerare tutto questo?

L’Europa ha un atteggiamento ipocrita e fin troppo lassista nei confronti dei paradisi fiscali, specialmente, senza scomodare le Cayman, con quelli che continuano a prosperare all’interno dei confini UE e consentono a multinazionali e super-ricchi di eludere tasse per centinaia di miliardi di euro ogni anno.

Il mancato gettito di queste tasse crea squilibri finanziari per molti Stati membri e non consente di impegnare risorse idonee per aiutare chi vive in condizione di povertà e di deprivazione materiale.

Eleonora Evi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Francesco Remotti Lunedì 6 maggio 2019, ore 17,30 Aula Magna

La Banca d’Italia ci consegna alcuni dati su cui è

Cresce il credito al consumo degli italiani e delle famiglie.

Roma  – I tavoli tecnici su previdenza e fisco non

In queste ore si fa un gran parlare dei giovani

Fino al 6 settembre – ogni domenica – due treni

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.