Paragone: “Non me ne vado, mi devono buttare fuori”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
paragone

“Uscire dal M5S? Se vogliono mi buttano fuori. Non vedo perché dovrei uscire”. Lo ha detto il senatore M5s Gianluigi Paragone, ai microfoni di “Circo Massimo” su Radio Capital. “L’accordo col Pd – spiega – non mi va bene per un discorso di tesi. Io rinfaccio al Pd un predicato neoliberista. In campagna elettorale ho detto che non mi piacciono le liberalizzazioni, le privatizzazioni, le regole dell’Ue. Se tu fai una campagna elettorale che dice queste cose, non puoi cambiare idea di punto in bianco, senza un congresso, senza uno spazio dove rimoduli la tua tesi. Se fino a ieri ho criticato Juncker e l’Europa adesso non puoi chiedermi di sostenere il Ministro dell’Economia Gualtieri”.

Secondo Paragone, “più che la leadership di Di Maio qui è a rischio il Movimento stesso. Nel momento in cui c’è una trasformazione e il movimento non riesce a trovare un’idea di società, il cittadino-elettore se ne va. Io per il momento rimango. Sono un lupo solitario. Mi interessa soltanto che alcune idee eretiche e controcorrente, che erano il sale del movimento, abbiano ancora la possibilità di trovare spazio politico. Finora nessuno è venuto a dirmi di stare zitto. Non posso accusare qualcuno di avermi tappato la bocca. Io sto bene nel Movimento. Fintanto che mi danno la possibilità di rimanere io sono contento”, conclude Paragone.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ieri abbiamo ricevuto una donazione solenne arrivata direttamente dagli Alpini

Per far fronte all’emergenza Coronavirus servono misure più drastiche, soprattutto

“Fatto il primo passo positivo con il taglio delle tasse

Cgil, contro la violenza di genere “Donna chiama donna” A

Le aziende che hanno innovato il proprio packaging in un’ottica

Prima di lasciare Palazzo Madama per il rinvio dell’assemblea congiunta,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.