ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Pensare, prevedere e organizzare un piano di riapertura e di ripartenza del Paese è necessario

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
tosi

È chiaro che per un po’ di mesi nulla sarà come prima. È evidente che bisognerà rispettare le distanze e munirsi di dispositivi di protezione individuale, soprattutto nei luoghi chiusi. E sarà importante continuare a monitorare potenziali focolai ed eventuali nuovi contagi.

Con il virus ci si dovrà convivere fino alla scoperta di un farmaco e alla distribuzione di massa di un vaccino, nella concreta speranza che i test anticorpali possano verificare e confermare l’immunità di una parte della popolazione. L’aspetto sanitario è prioritario e bisognerà lavorare costantemente perché non si trasformi in nuova emergenza. Per questo dico che è fondamentale pensare a come cominciare a riaprire le attività produttive dopo il 13 aprile. E i pubblici esercizi, pur con le cautele già applicate prima del lock down.

Occorre un piano preciso e regole dettagliate su come riorganizzare le imprese, a tutela della sicurezza delle stesse e dei loro lavoratori. Parallelamente, per un lungo periodo, sarà indispensabile aumentare la protezione per gli anziani e le categorie a rischio. Così l’Italia può ripartire. Con coraggio e responsabilità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Oggi ho partecipato alla presentazione di “Inps per tutti” un

Proseguono nel parco di Levico Terme, con un omaggio alle

NON SALVERA’ TURISMO NE’ TASCHE DEGLI ITALIANI RINCARI DELLE TARIFFE

Il 21 e 22 settembre a Egna, nell’ambito della Festa

cristillin

Il membro del consiglio Uefa e componente dell’esecutivo Fifa: “Ceferin

“CHIEDI ALLA NOTTE”, IL THRILLER AL FEMMINILE DI ANTONELLA BORALEVI

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.