Per Annalisa Minetti e Federico Vismara il sogno olimpico continua

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
minetti-ciallella-jesolo-2019_no_copertina

Il sogno nel cassetto, per entrambi, è quel viaggio a Tokyo. L’obiettivo che accomuna gli sforzi di Annalisa Minetti e Federico Vismara è la qualificazione olimpica: e tutti e due l’hanno riaffermato con forza nelle gare del fine settimana, Annalisa vincendo a suon di primato italiano i 5000 metri ai Campionati Italiani di atletica paralimpica, Federico salendo sul podio per il bronzo nella spada a squadre alle Universiadi di Napoli, dopo aver sfiorato la medaglia all’ultima stoccata nel torneo individuale. Entrambi di origini milanesi, un altro punto in comune è la militanza nelle Fiamme Azzurre: ma il loro background non potrebbe essere più diverso.

Annalisa è una donna realizzata in pieno, in molti campi: showgirl, già finalista di Miss Italia e cantante con una vittoria a Sanremo – non più tardi di un mese e mezzo fa ha strappato applausi alla platea della Casa Circondariale di Rebibbia – ma anche atleta di successo, con una medaglia paralimpica in bacheca. Federico è un ragazzo con tanta voglia di emergere, in una specialità come la scherma che da noi vanta tanta tradizione e un’infinità di scuole, che fanno nascere e crescere talenti ad ogni angolo di strada: per quanto abbia un palmares importante a livello giovanile, farsi strada nella spada italiana è già un’impresa.

Annalisa, dopo quel bronzo sui 1500 a Londra 2012, è anche diventata mamma: Elena Francesca ha 16 mesi, un altro tassello nel suo pedigree di donna matura e completa. Federico è salito per la prima volta sul podio della Coppa del Mondo assoluta proprio in questa stagione, nella tappa di Berna: a 21 anni è un anche un promettente “bocconiano”, studente del BIEM – il corso di Economia e Management in cui si è laureata anche Eleonora Giorgi, titolata marciatrice della Polizia Penitenziaria – e in virtù delle credenziali accademiche ha vinto la medaglia universitaria nel Palasport di Baronissi.

Annalisa e Federico, quel biglietto per il Giappone, se lo devono ancora guadagnare: ma in questa occasione hanno fatto un altro passo avanti. Accanto al nome Minetti, domenica a Jesolo, c’era il tempo di 21’14”92, quasi due minuti e mezzo meglio del precedente record italiano non vedenti detenuto da Daniela Vittori. Ancora inesperta sulla distanza lunga, scelta per non stressare un tendine talvolta dolorante, ha preferito non forzare nella prima parte sotto la guida sapiente di Stefano Ciallella: ma che ci siano ancora parecchi secondi da buttar giù lo dice l’ultimo parziale, 3’54” nel chilometro finale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il segretario del Pd: “Qualsiasi nuova fase politica non può

Tra i primi atti depositati dal gruppo Sinistra Progetto Comune

PORDENONE – Si apre nella serata di Ferragosto, domani alle

INSTAGRAM NASCONDE I ‘LIKE’, CODACONS: NON BASTA, VANNO NASCOSTE FOTO

dal 30 agosto all’8 settembre 2019 a Carmagnola (TO) Tutti

Accade a Milano, in una palazzina Aler di via Bolla,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.