Piano biblioteche e archivi per 2 milioni di euro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
biblioteca

Variazione di bilancio per potenziare il digitale in epoca Covid. Triplicati accessi a prestito ebook nel 2020. Iotti (Pd): “Grande opportunità”

Parere favorevole al bilancio di previsione 2020-2022 dell’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna (Ibc), al suo rendiconto generale e alla variazione di bilancio da parte della commissione Cultura, presieduta da Francesca Marchetti, convocata in seduta congiunta con la commissione Bilancio, presieduta da Massimiliano Pompignoli. Astenuti Lega e Fratelli d’Italia.

L’ Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna quest’anno è stato soppresso – ricordano i tecnici in Commissione – e le sue funzioni sono state riassorbite dalla Regione, con personale ricollocato nell’area Patrimonio culturale dell’Assessorato Cultura.

Il bilancio si riferisce pertanto alle attività “in chiusura” dell’istituto che ricomprende queste aree: bibliotecaria, museale, beni naturali e architettonici, valorizzazione e conservazione. La più consistente, spiega Claudio Leombroni (ex responsabile del servizio biblioteche, archivi, musei e beni culturali dell’istituto) in Commissione, è quella bibliotecaria con un piano che ammonta a circa 2 milioni di euro per finanziare biblioteche e archivi convenzionati, interventi su sistemi informatici e rete bibliotecarie, servizi digitali (le due 2 piattaforme emilib e biblioteca romagna), l’acquisto di ebook e di download, interventi sul sistema di inventariazione e l’archivio regionale. Per quanto riguarda l’area museale, il patrimonio che spazia “dai quadri ai burattini”, si avvale di contributi dati a strutture pubbliche e private convenzionate. L’area beni naturali, paesaggistici e architettonici raggruppa e finanzia la banca dati flora regionale, gli interventi sugli alberi monumentali e gli edifici storici così come i bandi per rilanciare i dialetti regionali.

La variazione di bilancio è stata resa necessaria per adeguare i programmi culturali al digitale dopo l’emergenza Covid. “Abbiamo modificato i programmi delle biblioteche per la prenotazione e contingentazione delle sale – spiega Leombroni – e abbiamo sviluppato una App per i musei e potenziato le biblioteche con servizi digitali di prestito di ebook e consultazione, registrando, tra l’altro, un picco di accessi e fruizioni quasi triplicato rispetto all’anno precedente”.”

“Un quadro molto chiaro dell’attività dell’Ibacn, così vasta e utile in ambito culturale, – commenta Massimo Iotti (Partito democratico), – fortunatamente l’area rimarrà all’interno della nostra Regione. Sottolineo l’opportunità della scelta fatta in epoca Covid di passare al digitale, una grande opportunità da sfruttare anche adesso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Per il centrodestra “vedo una prospettiva di governo. I dati

La terza combinata alpina della stagione programmata a La Thuile

Promessa mantenuta. Nonostante le difficoltà che hanno costretto ad un

PORDENONE – Nel Natale più strano, a conclusione dell’anno più

Uno studio italiano evidenzia un miglioramento della disabilità motoria negli

Turismo nella BAT. M5S: “Territorio con enormi potenziali, ma bisogna

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.