Pil, Visco: “Gravano ancora rischi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ORE 12.00
VISIONI - L’EUROPA DA COSTRUIRE: PIÙ OPPORTUNITÀ CHE VINCOLINella foto: Ignazio VISCOFestival dell’Economia
Sala Filarmonica
Trento, 2 giugno 2019
FOTO: Domenico SALMASO

“Sulle prospettive di crescita gravano ancora importanti rischi che richiedono chiarezza sull’orientamento delle politiche, anche nel medio periodo”. E’ quanto sostenuto dal governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, intervenendo al comitato esecutivo dell’Abi.

Inoltre, “resta essenziale il supporto delle politiche di bilancio, a livello sia nazionale sia europeo. I provvedimenti in favore delle famiglie e delle imprese – ha spiegato il governatore – continueranno a essere cruciali per alleviare i problemi di liquidità, sostenere la domanda aggregata, lenire il disagio sociale e contrastare l’ampliamento delle disuguaglianze. Per ridurre l’incertezza e porre le basi per il ritorno a una crescita stabile e sostenuta dell’economia e dell’occupazione, la soluzione dei problemi sanitari e le necessarie misure di stabilizzazione macroeconomica vanno però accompagnate da interventi risoluti sul piano delle infrastrutture, non solo materiali”, ha detto ancora Visco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’habitat che ha meritato una particolare attenzione è fatto di

Ancora manca una data per far riparte il mondo dell’ippica

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore all’Istruzione, Formazione

Gestione e smaltimento illecito dei rifiuti oltre ad esercizio abusivo

Nomine Rai, indietro tutta. Come prima, più di prima. Nonostante

«I dipendenti del Banco Bpm sono indignati per essere stati

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.