Più produzioni agroalimentari certificate nella ristorazione trentina

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ANGELO MOSNA TITOLARE PROSSIMA CHIUSURA DELLA ROSTICCERIA MOSNA
TRENTO 19 NOVEMBRE 2013
FOTO PAOLO PEDROTTI

La Giunta provinciale, su proposta del presidente Maurizio Fugatti, ha dato oggi mandato ai competenti Dipartimenti dell’amministrazione di elaborare una proposta di normativa per un maggiore utilizzo dei prodotti agricoli e agroalimentari trentini, di qualità riconosciuta e certificata, e a basso impatto ambientale, nei servizi di ristorazione collettiva pubblica, come le mense scolastiche e le strutture socio-assistenziali. La norma dovrà essere sinserita nel ddl riguardante l’assestamento di bilancio 2019. La proposta è stata successivamente presentata dal presidente Fugatti all’assemblea dei soci della Federazione trentina della cooperazione.

“Siamo convinti – ha detto Fugatti – che la promozione dei prodotti agricoli e agroalimentari nei servizi di ristorazione scolastica e assistenziale sia ancora insufficiente. Va considerato fra l’altro che gli enti privati che a vario titolo gestiscono oggi questi servizi non sono tenuti a dare seguito alle prescrizioni in materia già adottate dalla Provincia, nonostante siano finanziati in misura prevalente dalla Provincia attraverso tariffe o contributi. Su questa materia, dunque, è opportuno intervenire con norme più stringenti per valorizzare più pienamente la filiera trentina, generando al tempo stesso benefici per gli stessi consumatori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Negli ultimi mesi abbiamo lavorato a stretto contatto con i

L’Ufficio studi della CGIA denuncia come i contribuenti italiani che

Trieste – La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture

un arresto per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dal

Il leader della Lega ora si racconta vittima di un

“Il Consiglio di amministrazione della Rai, riunitosi  a viale Mazzini

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.