ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Ponte per Genova, il commissario ammette: “Accumulate tre settimana di ritardo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ponte-genova

GENOVA – “Rispetto alla best option di fine giugno abbiamo accumulato due o tre settimane di ritardo. Oggi non so dire ai genovesi quando potremo inaugurare il nuovo ponte, speriamo ancora di potere recuperare qualcosa”. Lo ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci durante un’informativa al consiglio comunale oggi in videoconferenza.

“Spero che il 15 aprile come previsto potremo avere tutti gli impalcati in quota – ha aggiunto – per poi procedere con la gettata e con l’asfaltatura”. Questa settimana al cantiere si procederà con due vari, quello di una parte di spalla e quello di una campata, tra le pile 12 e 13. Per questo motivo, ha spiegato Bucci, ci saranno due giorni, sabato e domenica, in cui probabilmente la zona della Valpolcevera sarà collegata al resto della città solo con una delle quattro strade a disposizione perché le altre saranno interrotte a causa di lavorazioni del cantiere.

La viabilità sarà tutta concentrata su via 30 Giugno. “Ma la cosa non dovrebbe costituire un grosso problema perché il traffico è molto ridotto, nel weekend scorso avevamo per strada il 70% in meno dei cittadini”. Il sindaco e commissario per la ricostruzione del viadotto Polcevera ha anche comunicato che, dopo il primo caso di Covid-19 nel cantiere del ponte, è invece risultato negativo al tampone un secondo operaio con sintomi febbrili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

boldrini

La deputata all’Adnkronos: “E’ un testo innovativo, dice no a

CESENA – Il Comune di Cesena ha mosso i primi

Queste le parole di Elly Schlein “Dal Veneto arriva una

«Stop ai cellulari a scuola e avanti con percorsi formativi

Abbiamo detto che non ci saremmo fermati e stiamo continuando

La domanda di istruzione terziaria continua a crescere, ma la

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.