PORDENONELEGGE, GIOVEDI’ 17 SETTEMBRE FOCUS ATTUALITA’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Foto LaPresse - Daniele Leone03/10/18 Roma ITACronacaRoma. Morte Regeni. I familiari di Giulio Regeni con una delegazione a piazza di Montecitorio dopo l’incontro con il presidente della Camera Roberto FicoNella foto: Claudio Regeni e Paola Deffendi i genitori di Giulio Regeni

PORDENONE – Pordenonelegge riparte con il sold out delle prenotazioni: ben 994 “click” in meno di 4 ore nell’ultima call per gli ultimi posti disponibili in presenza. E la seconda giornata del festival sarà nel segno di un grande focus sull’attualità, a cominciare dalla presentazione, in anteprima per il festival, del saggio L'”Atlante del mondo che cambia” di Maurizio Molinari, direttore di Repubblica, uscito questi giorni per Rizzoli: 8 lezioni sul mondo che verrà, dall’ambiente alle disuguaglianze di genere, dal clima ai dazi commerciali, alle questioni di genere. L’autore lo presenterà – al Capitol alle 17 e in diretta streaming per tutti i lettori – in dialogo con il giornalista Omar Monestier, direttore Messaggero Veneto. E in vista delle imminenti elezioni USA, il direttore TG2 Gennaro Sangiuliano racconterà “Il nuovo Mao”, ovvero Xi Jinping e l’ascesa al potere nella Cina di oggi in contrapposizione con gli Stati Uniti del presidente Donald Trump, una nuova guerra fredda che si gioca sull’innovazione tecnologica. In programma due incontri: alle 18 nello Spazio San Giorgio, in diretta su pnleggetv, e alle 21 presso il Centro Culturale Aldo Moro di Cordenons in dialogo con Alberto Garlini. Sempre sul nostro tempo riflette Chiara Valerio con “La matematica è politica”, il nuovo saggio edito Einaudi, in cui la matematica diventa prassi politica, e un formidabile esercizio di democrazia, Appuntamento allo Spazio Gabelli alle 21 e in diretta su pnleggetv. Di grande rilievo la presenza di Paola Deffendi e Claudio Regeni che, nel dialogo con l’avvocato Alessandra Ballerini condotto dalla giornalista RAI Marinella Chirico, racconteranno il loro impegno inesausto perchè sia fatta chiarezza sulla cattura e l’uccisione di loro figlio, Giulio Regeni, perché la verità e la giustizia sono diritti e spettano a tutti i cittadini (ore 11 Capitol e in diretta streaming). Alle 15.30 Spazio Gabelli, Massimiliano Panarari e Guido Gili discuteranno invece intorno alla credibilità politica: radici, forme, prospettive di un concetto inattuale, modera il direttore del quotidiano Il Mattino Paolo Possamai. A pordenonelegge, sempre con sguardo sull’attualità, la poesia incontra il cinema con l’anteprima della proiezione del documentario su Franco Buffoni “Dentro il polittico. Franco Buffoni, impegno civile e poesia”, regia di Davide Minotti (ore 17.30 Cinemazero), un ritratto a tutto tondo dell’uomo, del poeta, del docente e grande alfiere dei diritti civili. Oscar Di Montigny farà appello all’impegno e alla responsabilità di tutti noi: grazie alla vocazione alla gratitudine potremo rispondere alle sfide che la nuova epoca ci pone. Lo scrittore ne parlerà con Eleonora Molisani, al PalaPAFF alle 18 (in diretta su pnleggetv e in differita mercoledì 23 settembre alle 18). Di uomo, ambiente e futuro sullo sfondo dei cambiamenti climatici parleranno tre autori e giornalisti: Riccardo Bocca, che firma per Harpercollins “La terra siamo noi” con otto storie di persone decise a salvare il mondo; e Francesco De Filippo, che attraverso il recente saggio uscito per Castelvecchi, “Dai serpenti di Wuhan alle aragoste di Portofino”, compie un’analisi sul rapporto storico tra l’uomo e l’animale, mettendo a confronto i modelli orientale o occidentale, che oggi appaiono agli antipodi. Saranno coordinati da Pietro Spirito, appuntamento alle 18.30 nell’Auditorium Istituto Vendramini.

Nel programma dedicato alle scuole, la mattina, un gradito ritorno a pordenonelegge quello di Andrea Vico che, insieme a Lucia Vaccarino, presenterà la sua nuova collana di libri per “salvare il mondo”! (ore 9.30 piattaforma ZOOM). Annalisa Strada salirà in cattedra, raccontando ai ragazzi quanto Dante, Leopardi e Manzoni siano dei “fighi”, come titola la collana che presenterà in anteprima a pordenonelegge (ore 10.30 piattaforma ZOOM).

Spazio al noir di casa nostra con Ilaria Tuti, che nel suo thriller celebra il coraggio e la resilienza delle donne, la capacità di abnegazione di contadine umili ma forti nel desiderio di pace. In dialogo con Alberto Garlini, alle 15 al PalaPAFF! e in diretta su pnleggetv. Sempre nel segno del giallo Massimo Carlotto che nel suo ultimo romanzo mette in scena giornalisti a caccia di scoop e i politici dall’ambizione sfrenata. L’autore sfoglierà il suo libro insieme a Luca Crovi alle 21.30 al PalaPAFF! e in diretta su pnleggetv. Un interessante excursus sul rapporto fra patria e famiglia nella storia italiana con Paolo Di Stefano e Filippo La Porta in dialogo con Gian Mario Villalta, alle 18.30 Spazio Gabelli e in diretta su pnleggetv. Filippo La Porta sarà anche protagonista di un dialogo con Marco Damilano e Luciano De Giusti dedicato alla figura di Pier Paolo Pasolini, alle 21 Teatro Pier Paolo Pasolini di Casarsa.

Al Capitol alle 20 e in diretta su pnleggetv, in collegamento con il festival, il poeta polacco Adam Zagajevski parlerà della sua opera, “Asimmetria e altre poesie”, in cui la vita e la storia sono colte da una prospettiva obliqua, che si carica di risonanze etiche. Presenta Francesco Napoli.

Non poteva mancare a pordenonelegge l’attenzione per la poesia nelle lingue minori, con la presenza del rinnovato Premio Giuseppe Malattia della Vallata e del Premio Pierluigi Cappello con Marcello Marciani e Giusi Quarenghi, insieme a Aldo Colonnello, Fabio Franzin, Valentina Gasparet, Roberto Malattia, Maurizio Salvador e Giacomo Vit (ore 18 Loggia del Municipio).

E ancora, in serata, Roberto Mantovani e Luca Calzolari ripercorreranno la storia del film di alpinismo e arrampicata e, presso la sede pordenonese del CAI, alle 21.30 Auditorium Istituto Vendramini.

Pordenonelegge 2020, a cura di Gian Mario Villalta (Direttore artistico), Alberto Garlini e Valentina Gasparet, è promosso da Fondazione Pordenonelegge con la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, la Camera di Commercio di Pordenone e Udine, il Comune di Pordenone, Fondazione Friuli, Cinemazero e Crédit Agricole FriulAdria. A raccontare il festival, in presa diretta e con un ricco “speciale” subito dopo, sono le reti e i portali del mediapartner RAI. Straordinario valore aggiunto per tutti gli appassionati di letteratura e gli amanti dei libri è la Pnlegge TV che nasce nel 2020 per garantire la fruizione del festival anche a chi non potrà esserci in presenza. Il suo palinsesto, che include complessivamente ben 65 incontri fruibili in video, sarà accessibile in un click al link https://www.pordenonelegge.it/tv

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il taglio del numero dei parlamentari è sempre più vicino:

Discoteche, intrattenimento e locali notturni rappresentano un settore che vale

L’europarlamentare della Lega Francesca Donato è intervenuto ai microfoni della

Partenza dell’anno scolastico in Liguria, Cgil: si lavori rapidamente per

Mai più plastica che galleggia nei nostri fiumi. Mai più

Si è svolto oggi pomeriggio, nella sede del Pd di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.