POSTANO COMMENTI OFFENSIVI E DENIGRATORI CONTRO FORZE DELL’ORDINE E MAGISTRATURA: DENUNCIATI 3 MANTOVANI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
social

Tre uomini, di età compresa tra i 22 ed i 52 anni, tutti italiani e residenti in Provincia di Mantova, sono stati denunciati dalla Digos virgiliana, coadiuvata dalla Polizia Postale, per il reato di “Vilipendio della Repubblica e delle Istituzioni”, per aver postato su pagine Facebook di libera consultazione, appartenenti ad organi di informazione, frasi e commenti offensivi e denigratori nei confronti di Magistratura e Forze dell’Ordine.
Utilizzando il loro profilo Facebook i tre “haters”, in relazione a tre distinti fatti di cronaca pubblicati sul “web” nel periodo dal 26 giugno al 6 luglio uu.ss., si sono infatti lasciati andare – nell’apposita sezione dedicata ai commenti dei lettori – a frasi gravemente offensive ed oltraggiose contro le Istituzioni dello Stato che si erano occupate, ciascuno per la parte di competenza, di quelle vicende.
In particolare:
-articolo relativo alla violenza denunciata alla fine di giugno 2019 da una ragazza, consumata dopo una serata trascorsa in una nota discoteca mantovana: in questo caso, il 52enne “hater” ha scritto frasi contenenti insulti gravemente denigratori nei confronti della Magistratura;
-articolo relativo al ritrovamento e sequestro da parte della Polizia di Stato di un quantitativo di sostanza stupefacente e di un coltello, in uno dei parchi cittadini: il 22enne “odiatore” ha commentato con espressioni lesive delle Istituzioni e degli appartenenti alle Forze di Polizia;
-articolo relativo alla chiusura di un esercizio pubblico di Mantova – nei primi giorni di luglio, ai sensi dell’art.100 TULPS – dopo che la Polizia Amministrativa della Questura aveva appurato l’avvenuta somministrazione di bevande alcoliche a minorenni: il 40enne “hater” – in questo caso – se l’è presa con la Polizia, postando frasi contenenti gravissimi insulti nei confronti delle Istituzioni e dei suoi appartenenti.
Oltre alla specifica fattispecie di reato che vede come parti lese le Istituzioni dello Stato, è bene ricordare che gli insulti su Facebook integrano sempre il reato di “diffamazione”, e che basta condividere con un “like” un contenuto diffamatorio per commettere il reato, come ha stabilito la Corte di Cassazione con una Sentenza dello scorso 12 dicembre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Coldiretti Marche, tre aziende su 10 parlano al femminile: i

Come funzionano, nella pratica, le assenze, i permessi, i congedi

“Non si può considerare espansiva una manovra che fa pari

Quando avevo 32 anni pensavo che avrei smesso all’età di

È di 2,1 milioni di euro lo stanziamento per la

Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia inaugura nei suoi

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.