ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Poste Italiane, appello dei sindacati dell’Umbria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
poste

Poste Italiane, appello dei sindacati dell’Umbria: andate agli sportelli solo in caso di stretta necessità

“Nonostante i divieti imposti dal recente decreto legge, volti a contenere la diffusione dell’epidemia di COVID-19 CORONAVIRUS, rileviamo un costante afflusso della clientela presso gli sportelli degli Uffici Postali che al momento restano aperti al pubblico”. Così in una nota i sindacati dei lavoratori di Poste Italiane dell’Umbria, Slc Cgil, Slp Cisl, Uil POste, Failp Cisal, Confsal, Fnc Ugl Com.Ni.
“In moltissimi casi tale afflusso di clienti è motivato dallo svolgimento di attività e operazioni che nulla hanno a che fare con il carattere di urgenza e inderogabilità previsti dal decreto governativo vigente come valide motivazioni di uscita dal proprio domicilio”, continuano i sindacati.
“Nella consapevolezza dell’importanza del rapporto personale con gli operatori, vorremmo ricordare ai cittadini che, in questi casi si sta contravvenendo a quanto stabilito dal decreto che permette ‘gli spostamenti solo se motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute’. La violazione delle norme in oggetto espone non solo a delle sanzioni amministrative e penali, ma soprattutto a severi rischi di trasmissione del virus a sé stessi, ai propri cari e alle loro famiglie”, affermano le sigle sindacali.
Queste dunque le indicazioni che i sindacati di Poste danno alla cittadinanza: evitare di andare agli sportelli se non per operazioni strettamente indispensabili; usare, se possibile, le carte (Bancoposta, Carta libretto, Postepay) per tutte le operazioni di prelevamento e consultazione del conto corrente, del libretto o della Postepay; usare internet banking per effettuare bonifici, pagamenti, ecc; telefonare o mandare una email per avere informazioni che non necessitano della presenza fisica allo sportello.
“Invitiamo tutte e tutti – concludono i sindacati – ad una grande assunzione di responsabilità per il superamento di questo momento estremamente difficile per il nostro Paese”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Un progetto “ambizioso”, che guarda a un orizzonte “di lungo

L’emergenza coronavirus “peserà sul profilo dei laureati protagonisti del Rapporto

Come riuscire a fare più rete tra le comunità locali

Malgrado i medici fossero tutti pessimisti riguardo la sopravvivenza di

Dopo tanto tergiversare e progettare l’improbabile, sembra che per il

Misure straordinarie per colmare l’indisponibilità di medici specialisti che sta

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.