Premio Mamma è realtà, 500 euro a ogni nuovo nato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bambini

Dopo il bonus bebè nuova misura a sostegno delle nascite da parte dell’amministrazione. Gambaccini: “Segnale concreto di aiuto alle famiglie pisane”

PISA — Dopo l’istituzione del Bonus bebè per i nuovi nati nel 2019, prosegue l’impegno dell’amministrazione comunale per fornire un sostegno effettivo alla natalità.

Il Comune di Pisa ha introdotto, con delibera di Giunta approvata giovedì 7 novembre, lo stanziamento del Premio Mamma, che prevede l’erogazione di un contributo di 500 euro per ogni nuovo nato nel 2019.

“Il Premio Mamma si va ad aggiungere al Bonus bebè introdotto nel mese di maggio come ulteriore misura di sostegno alla natalità – ha detto l’assessore alle politiche sociali Gianna Gambaccini -. Sono veramente soddisfatta di aver introdotto per la prima volta queste misure che rappresentano un segnale concreto di aiuto alle famiglie pisane nei momenti legati alla nascita di un bambino. È un altro obiettivo del nostro programma di mandato che va a segno. Nel bilancio di previsione per il prossimo anno abbiamo già previsto la conferma sia del Bonus bebè che del Premio Mamma, insieme a molti altri servizi e progetti nuovi pensati per fornire supporto concreto a famiglie, anziani, disabili, adolescenti e fasce deboli della popolazione.”

Chi può accedere: i requisiti per richiedere il Premio Mamma prevedono la cittadinanza italiana, oppure la cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea, oppure la cittadinanza di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, purché in possesso di Permesso di soggiorno CE di lungo periodo in corso di validità; la residenza nel Comune di Pisa da almeno 5 anni continuativi al momento della presentazione della domanda; un ISEE ordinario in corso di validità, senza omissioni/difformità, di importo pari o inferiore a 25 mila euro; avere un figlio nato nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2019 (in caso di adozione o affidamento preadottivo, il figlio deve essere stato scritto nel nucleo familiare di riferimento nell’ anno solare 2019).

Graduatorie e presentazione delle domande: il Comune delega la Società della Salute zona pisana alla ricezione delle domande e alla formazione della graduatoria sulla base della quale verranno individuati i beneficiari. Costituiscono criterio di premialità per l’assegnazione dei punteggi in graduatoria, la storicità residenziale, la presenza di disabili in famiglia e il numero dei figli nel nucleo familiare. Il bando verrà pubblicato dalla Società della Salute entro il mese di novembre e ci sarà tempo fino al 31 gennaio per presentare la domanda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Agricoltori custodi, olio e agrichef protagonisti al Villaggio contadino Dal

“Da cittadina piemontese prima e da parlamentare del M5S poi,

Il Consiglio comunale ha oggi approvato una mozione sul rispetto

“Vi aspetto tutti a Verona il 25 maggio per un

Sondaggio sulle piccole imprese: il 20% valuta tagli al personale,

Un bel giorno scoprite che dietro casa vostra sorgerà un

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.