Premio ‘Spighe Verdi 2019’ ai Comuni rurali sostenibili

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ambiente

Nel 2019 sono state 42 le località italiane alle quali è stato assegnato il premio annuale “Spighe Verdi”. Promosso da Fee Italia (Fondazione per l’educazione ambientale) e Confagricoltura, Spighe Verdi si rivolge ai Comuni che intendono valorizzare e investire sul proprio patrimonio rurale, migliorando le buone pratiche ambientali.

Il successo di Spighe Verdi è riconducibile al rapporto che si crea tra Comune, agricoltori e comunità locale, un programma flessibile e adattabile per promuovere buone pratiche ambientali in diversi contesti territoriali.

Nel programma Spighe Verdi è centrale il ruolo che ha l’agricoltura nella difesa del paesaggio, nella tutela della biodiversità e nella produzione di alimenti di qualità. Il Comune, per ottenere la certificazione e il marchio Spiga Verde, deve autocandidarsi seguendo un protocollo in cui è prevista la rispondenza a criteri contenuti in diverse aree tematiche (acqua, energia, agricoltura, rifiuti, assetto urbanistico, tutela del paesaggio, ecc.). La candidatura è volontaria e gratuita e viene valutata da una Commissione nazionale che riunisce esperti provenienti da diversi enti pubblici e privati.

Alcuni indicatori presi in considerazione sono stati la partecipazione pubblica, l’educazione allo sviluppo sostenibile, il corretto uso del suolo, la presenza di produzioni agricole tipiche, la sostenibilità e l’innovazione in agricoltura, la qualità dell’offerta turistica, l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione, la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla raccolta differenziata, la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio e del paesaggio, la cura dell’arredo urbano e l’accessibilità.

Le località premiate quest’anno, nelle 13 Regioni, sono:

Marche: Esanatoglia, Grottammare, Matelica, Mondolfo, Montecassiano e Numana; per la Toscana: Castellina in Chianti, Massa Marittima, Castiglione della Pescaia, Castagneto Carducci, Fiesole e Bibbona;

Piemonte: Pralormo, Alba, Santo Stefano Belbo, Vicoforte, Canelli e Volpedo;

Campania: Agropoli, Positano, Pisciotta, Massa Lubrense e Ascea;

Puglia: Castellaneta, Ostuni, Carovigno, Andria); il Lazio con 4 (Canale Monterano, Anguillara Sabazia, Pontinia, Gaeta;

Veneto: Porto Tolle, Caorle, Montagnana;

Abruzzo: Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi;

Liguria: Lavagna;

Umbria: Montefalco;

Sicilia: Ragusa;

Calabria :Trebisacce;

Trentino: Cavareno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Con Franco Zeffirelli se ne va un gigante della cultura

No, no e ancora no. Dopo tre anni di amministrazioni

Sarebbe riduttivo parlare di Sentinelle di Pietra come di un

CODACONS: PROPAGANDA INUTILE CHE RALLENTA SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO Il

Museo MIIT Museo Internazionale Italia Arte PRIMA SESSIONE: DAL 30

Roma – “Lo sblocca cantieri non sblocca niente. Non sblocca

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.