#PRESCRIZIONE, GOVERNO RAGIONI E RIFLETTA SULLE PAROLE DEL PRESIDENTE EMERITO DELLA CORTE COSTITUZIONALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ferri

Le parole autorevoli, ponderate ed equilibrate del Presidente emerito della #CorteCostituzionale Cesare Mirabelli “ il lodo Conte bis non mi pare un grande compromesso rimangono seri dubbi di costituzionalità “ mi auguro facciano riflettere gli alleati di Governo sulla fondatezza e sull’equilibrio delle proposte di Italia Viva che non hanno l’obiettivo di indebolire la maggioranza ma di far ragionare, di non far scardinare un sistema giuridico basato su principi costituzionali.

Dobbiamo lavorare per fare i processi in tempi celeri, per rispettare le garanzie effettive e non dilatorie di tutte le parti processuali, per consentire allo Stato di non rinunciare all’esercizio della potestà punitiva ma non grazie ad un processo senza fine, ma ad un processo rapido e giusto. Italia Viva si è limitata a dire torniamo alla legge Orlando, lavoriamo sulla riforma del #processo penale, e costruiamo un sistema che funzioni. Nessuno parlerà più di prescrizione perché le risposte arriveranno prima nell’interesse dell’imputato, della persona offesa e della #Giustizia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Di cui 310 milioni solo ai Municipi, per opere pubbliche

Palermo – Assistenza agli operai che sono stati a contatto

“Per Salvini gli italiani ormai sono immuni al virus. Il

Catalogo della mostra di prossima apertura al MUDEC PHOTO di

FIRENZE – Si farà nelle quattro aziende ospedaliero universitarie –

Novak Djokovic è in finale al Masters 1000 di Cincinnati

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.