Processo sui maro’ a L’Aja, Italia: “India li ritiene gia’ colpevoli”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
66370104_10216211592816341_8506722126080770048_n

Nel corso dellʼultima udienza al Tribunale arbitrale internazionale, il nostro ambasciatore ha rivendicato la giurisdizione del caso

“Agli occhi dell’India non c’è presunzione di innocenza: i marò erano colpevoli di omicidio ancora prima che le accuse fossero formulate”. Lo ha detto l’ambasciatore Francesco Azzarello nel corso dell’ultima udienza al Tribunale arbitrale internazionale de L’Aja, rivendicando per l’Italia la giurisdizione del caso. In India, ha aggiunto, “ci sono stati ingiustificabili rinvii e sono state inventate speciali procedure che violano la Costituzione”.
I marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone “sono funzionari dello Stato italiano”, impegnati nell’esercizio delle loro funzioni “a bordo di una nave battente bandiera italiana” e “in acque internazionali”, e pertanto “immuni dalla giustizia straniera”, ha sottolineato Azzarello spiegando le ragioni per cui l’Italia rivendica la giurisdizione sul caso della morte dei due pescatori indiani, scambiati per pirati, nel febbraio del 2012.

Nel caso dei due marò, ha aggiunto l’ambasciatore, anche “le considerazioni umanitarie sono rilevanti: alla fine di questo arbitrato, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone saranno stati privati, a vari livelli, della loro libertà senza alcuna imputazione per otto anni”. Considerazioni umanitarie definite “rilevanti” anche nei confronti delle famiglie dei due pescatori, Ajeesh Pink e Valentine Jelastine: per questo, ha aggiunto Azzarello, l’Italia si impegna a “facilitare la loro partecipazione e rappresentanza” in qualunque procedimento successivo, nel caso venga riconosciuta la giurisdizione italiana.

I due marò furono arrestati e trattenuti a Delhi per anni nonostante l’India non abbia mai formulato un vero e proprio capo d’imputazione e abbia ventilato in passato anche la drammatica ipotesi di una condanna a morte. Da allora Latorre e Girone sono rimasti invischiati in un’odissea di lentezze burocratiche e giudiziarie, rinvii e ricorsi, fino alle misure provvisorie imposte dalla Corte che ha permesso loro di attendere a casa la fine dell’iter arbitrale per motivi umanitari. L’Italia si è comunque impegnata a rinviarli a Delhi nel caso l’arbitrato concedesse la giurisdizione all’India.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Francesca Antonaci in arte Gegia compie 60 anni. L’attrice comica

Non c’è nessuna emergenza abitativa nell’immobile occupato illegalmente da #Casapound

Galli “servizio di rete importante rivolto alle persone più a

“Questa legge è un’occasione mancata per l’Abruzzo che vede nei

Vorrei tranquillizzare chi oggi si è ritrovato a leggere articoli

Contro le mafie e la criminalità organizzata per Roma, questo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.