ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

QUANDO MUORE UN GRANDE AMICO, UN GRANDE UOMO, UN GRANDE GIORNALISTA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ingroia

Nelle prime ore del mattino di oggi è morto Giulietto Chiesa, un grande uomo e un grande giornalista, che per me è stato soprattutto un amico sincero e un compagno di lotte politiche e civili appassionato.
Quando muore improvvisamente un tuo amico vero e sincero come lui è come se una parte di te morisse con lui. E’ il caso di Giulietto, che, da grande giornalista di vecchio stampo qual era, aveva una qualità non tanto diffusa fra i suoi colleghi. Era sincero, franco e schietto, pronto a battersi per le sue idee senza ipocrisie e questo gli avevo provocato inimicizie e ostilità. D’altronde, il suo essere sempre “fuori dal coro” e dalla parte della verità, ma anche pronto a sollevare dubbi sulle verità consacrate, suscitava stima e rispetto perfino nei suoi avversari, mentre era amato e apprezzato da tanti suoi lettori e sostenitori.
A me piace anche ricordare la breve avventura politica che abbiamo creato e vissuto insieme con la Mossa del Cavallo e poi con la Lista del Popolo per la Costituzione, esperienza elettoralmente non fortunata soprattutto perché il progetto politico era troppo “avanzato” per l’Italia del 2018. L’idea era stata soprattutto sua, perché Giulietto aveva una grande qualità: aveva visione del mondo. Sapeva guardare lontano laddove la miopia corrente dei nostri tempi non arriva. E questo lo faceva percepire come un uomo “fuori dal tempo” perché troppo “avanti”, come sempre accade ai grandi uomini.
Oggi è giusto ricordarlo per la sua storia di grande giornalista, scrittore e intellettuale, mentre i superficiali ricorderanno solo il Giulietto polemista, spesso acceso, dimenticando che ciò che lo accendeva era soprattutto la passione per la verità per la quale si batteva sempre e a tutti i costi.
Oggi è il giorno del dolore per la sua perdita perché senza una figura come Giulietto siamo tutti più soli.
Da domani devono cominciare i giorni del ricordo perché non si faccia tesoro della lezione, umana, professionale e politico che Giulietto ci ha lasciato.
Ciao, Giulietto, non ti dimenticheremo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il governo regionale annuncia “voucher” per frequentare le scuole privati

sindaci

A.A.A. Cercasi candidato sindaco volenteroso per comune in evidenti difficoltà

piombino

PIOMBINO – Sono trascorsi soltanto due mesi e mezzo dalla

Individuata dal laboratorio di Microbiologia e virologia dell’Aou di Sassari

landini

La sala della Casa del Popolo di Saint-Gilles, a Bruxelles,

Oggi le istituzioni europee, insieme a esponenti della società civile

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.