ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

QUATTRO FIOCCHI IN VASCA PINGUINI IL PRIMO PINGUINO PAPUA, NATO ALL’ACQUARIO DI GENOVA NEL 2017 È DIVENTATO PAPÀ

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Papà Kowalski cova pulcino_20210709_144601

OLTRE AL PICCOLO PAPUA, ANCHE TRE PULCINI DELLA SPECIE DI MAGELLANO

Nella vasca subantartica dedicata ai pinguini la vita si rinnova: Kowalski, primo pinguino Papua (Pygoscelis papua) a nascere all’Acquario nel luglio 2017, è diventato papà.

Il piccolo è nato il 2 luglio da un uovo deposto il 24 maggio nel nido di ciottoli fatto da papà Kowalski e mamma Rosi, una pinguini nata nel 2006. L’uovo è stato covato alternativamente dai genitori che provvedono ora a nutrire il piccolo rigurgitando direttamente nel suo becco alimenti pre-digeriti. Kowalski, alla sua prima esperienza da genitore, e la mamma non abbandonano mai il nido contemporaneamente e sono molto attenti a proteggere il pulcino.

Il piccolo è visibile dal pubblico nel suo nido, all’interno della vasca dei pinguini, tra le zampe dei genitori che si alternano a sfamarlo. Per poterlo nutrire, mamma e papà mangiano una quantità di cibo 2-3 volte maggiore rispetto alla dieta normale.

Crescendo, il piccolo sarà sempre più visibile, pur rimanendo nel nido sotto l’attenta sorveglianza dei genitori.

Il piccolo raggiungerà lo svezzamento intorno agli 80-90 giorni di vita, mentre intorno ai due mesi e mezzo farà la prima muta, passando dal piumaggio grigio alle piume impermeabili che gli consentiranno l’ingresso in acqua.

Per conoscere il sesso, è necessario aspettare quel momento e prelevare una piuma per effettuare il test del DNA.

I pinguini Papua vivono nell’emisfero Sud, come tutti i pinguini, più nello specifico nelle aree antartiche e sub-antartiche; nel suo genere questa è la specie che si spinge più a Nord.

Hanno testa e dorso di colore nero, petto e ventre bianchi, con una netta linea di demarcazione tra i due colori. Il loro becco è rosso-arancio, con l’estrema parte superiore nera. Le zampe sono arancio. Sono provvisti di una coda relativamente lunga. Sono alti circa 75-80 cm e pesano intorno ai 5 kg.

Nidificano in colonie che non distano mai più di 2 km dalla riva del mare e che rimangono ad un’altitudine non superiore a 200 m. I nidi sono ben distanziati, larghi e costruiti con sassi, erbe e muschi.

All’Acquario di Genova, i nidi vengono costruiti utilizzando i ciottoli che lo staff lascia a loro disposizione nella vasca. Vengono deposte due uova, con la possibilità di deporne un terzo se i primi due dovessero rompersi.

Nella vasca in queste settimane si sono schiuse anche tre uova di pinguino di Magellano (Spheniscus magellanicus) e i pulcini si trovano al momento nei rispettivi nidi, accuditi da mamma e papà. Non saranno visibili al pubblico fino al momento in cui usciranno dal nido, probabilmente nel mese di agosto.

I piccoli pinguini – uno nato dalla coppia “Giallo” e “Verde-Nera” e due nati da una cova “gemellare” di “Verde” e “Blu-Nera” – sono nati a metà giugno da uova deposte nei nidi ad inizio maggio. Anche per i pinguini di Magellano i genitori covano le uova alternativamente per tutto il tempo dalla deposizione alla schiusa. Sia mamma che papà provvedono ora a nutrire i pulcini rigurgitando alimenti predigeriti direttamente nel becco. Mamma e papà non abbandonano mail il nido contemporaneamente.

I pulcini raggiungeranno l’indipendenza in un periodo variabile tra le 9 e le 17 settimane, a seconda della quantità e qualità del cibo ricevuto; anche la peluria grigia verrà ben presto sostituita dal caratteristico piumaggio bianco e nero degli adulti. Solo dopo aver fatto la prima muta, passando dal piumaggio grigio alle piume impermeabili, faranno la loro prima nuotata.

I pinguini di Magellano vivono lungo le coste orientali e occidentali del Sud America a partire da Cile e Argentina fino a Capo Horn e alle isole Falkland.

La vasca dei pinguini dell’Acquario di Genova ospita 12 pinguini Gentoo e 14 pinguini di Magellano, oltre ai pulcini appena nati. Il lato terrestre riproduce i due habitat delle specie ospitate ricreando le condizioni ideali per la riproduzione e l’allevamento dei pulcini.

All’interno della vasca sono riprodotte le condizioni stagionali dell’ambiente naturale in cui vivono le due specie ospiti; la temperatura dell’acqua varia da 6 a 10° C, quella dell’aria può variare da 8 a 12° C, secondo le stagioni.

Per coloro che desiderano approfondire la conoscenza di questi simpatici uccelli è possibile partecipare alla speciale esperienza “A tu per tu con i pinguini”. Guidato da un esperto, un gruppo ristretto di max 4 persone (conviventi), va alla scoperta delle attività relative alla gestione e alla cura delle due specie di pinguino ospiti dell’Acquario.

Vengono illustrati i luoghi di conservazione e preparazione del cibo, gli animali presenti e, in occasione del pasto pomeridiano, si entra con lo staff all’interno della vasca per assistere alla distribuzione del cibo.

L’inizio dell’attività è fissato alle ore 13:30 per una durata di 1 ora e mezza circa ed è disponibile tutti i giorni, ad eccezione di martedì e mercoledì. Il costo è di €60 per adulto e €40 per ragazzo (5-12 anni), da aggiungere al biglietto di ingresso all’Acquario.

Per prenotare è necessario scrivere all’indirizzo mail [email protected].

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“La crisi di governo ha fatto piombare nell’incertezza milioni di

“La scuola non è solo apprendimento, la scuola è vita”,

L’Università non è un obbligo, nel senso che non si

“Bettino Craxi è stato uno dei pochissimi uomini politici della

Stand Florio 23 agosto 2019 ore 21:15 Via Messina Marine,

Il trend della contraffazione è in continua crescita: nel 2019

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.