Queste immagini arrivano dalla California

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
incendio

Scene apocalittiche.
2,2 milioni di acri bruciati, numeri mai registrati prima.
Sui social i californiani scrivono di avere la sensazione di essere su Marte o sul set di “Blade Runner 2049”, purtroppo invece è la vita reale sul pianeta terra.
Il cielo si è tinto di arancione, la Nasa spiega il fenomeno così «le particelle di fumo degli incendi che consentono ai colori della lunghezza d’onda più lunga della luce solare come il rosso e l’arancione di passare mentre bloccano le lunghezze d’onda più corte del giallo, del blu e del verde».
Già si registrano diversi morti per ustione, le temperature altissime e il vento secco stanno interessando non solo la California ma anche tutta la costa occidentale. La governatrice dell’Oregon ha detto che potrebbe essere la maggiore perdita di vite umane e di proprietà dovuta a incendi in tutta la storia dello Stato. Già 5 città sono andate distrutte nonostante l’Oregon non sia una zona calda, anzi si contraddistingue per un clima fresco e umido.
Episodi come questo devono portarci a fare una seria riflessione sul nostro impatto sul clima e sull’ambiente.

Andrea Cioffi

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Credo sia giunto il momento di iniziare a pensare alla

L’invasione dei migranti è ripresa alla grande, ormai i barconi

Caos aerei e rimborsi ci sarà anche l’Italiana RimborsoalVolo.it tra

È STATO VISITATO E MEDICATO, STA BENE E SARÀ RILASCIATO

Scatti d’ali, le foto del giornalista Giovanni Franco esposte nell’area

La lettura dei giornali, oggi, farebbe perdere il buonumore persino

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.