QUICK-STEP CELEBRA VENTIDUE ANNI CONSECUTIVI NEL CICLISMO PROFESSIONISTICO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ciclisti

AL GIRO D’ITALIA 2020 QUICK-STEP CELEBRA VENTIDUE ANNI CONSECUTIVI NEL CICLISMO PROFESSIONISTICO

La Maglia Rosa resta nelle mani di João Almeida del team Deceuninck – Quick-Step. E il 20 ottobre il team “gioca in casa” nella tappa in Friuli, regione dove ha sede la filiale italiana di UNILIN.

Udine –  Nella tappa di ieri del Giro d’Italia 2020, il team Deceuninck – Quick-Step si è nuovamente radunato attorno al giovane corridore portoghese João Almeida, tenendolo lontano dal vento e respingendo la pressione esercitata da alcune squadre a più di 100 chilometri dal traguardo, quando hanno alzato il ritmo e ridotto notevolmente il campo. L’esordiente del Grand Tour è in testa alla classifica generale di 34 secondi, ma guida anche la classifica giovanile, e oggi, venerdì 16 ottobre veste l’iconica maglia rosa per la decima giornata consecutiva. “Devo dire che è stata un’altra fase difficile. Abbiamo passato quasi sei ore in sella, abbiamo avuto molta pioggia e temperature basse, ma alla fine della giornata abbiamo mantenuto la maglia rosa, che è la cosa più importante. Nonostante tutto ciò che questa fase ci ha offerto, ero molto calmo perché sapevo che c’era una squadra così forte e impegnata intorno a me, un fantastico gruppo di ragazzi che ha dato tutto. Avere una squadra così grande intorno a me mi ha motivato a fare del mio meglio e mantenere la maglia il più a lungo possibile. Non avrei mai pensato di indossarlo per così tanti giorni quando l’ho indossato per la prima volta e sono felice di poterlo fare per più di una settimana”, ha spiegato João Almeida dopo la tappa.

La storia d’amore tra Quick-Step, marchio globale di pavimenti in legno, laminato e vinile di alta gamma, e il ciclismo inizia nel 1999, quando la divisione del Gruppo UNILIN inizia la sua co-sponsorizzazione del Mapei – Quick-Step Cycling Team. Dopo ventidue anni consecutivi nel ciclismo professionistico, Quick-Step sta affrontando il Giro d’Italia 2020 contando sul giovane e agguerrito team Deceuninck – Quick-Step che il 20 ottobre “gioca in casa” nella tappa Udine-San Daniele del Friuli: UNILIN Italia (filiale di UNILIN, che produce pavimenti in parquet, laminato e vinilici con il marchio Quick-Step) ha infatti la sua sede proprio nel capoluogo friulano.

“Ogni giorno la squadra ciclistica si mette in viaggio per fare meglio del giorno prima e per ispirare le persone con il suo esempio” conferma Cinzia Ardito, General Manager Unilin Italia e Malta. “Sono convinta che questo ‘modo di guidare’ sia anche nel cuore del nostro staff. Come il team di ciclisti, eccelliamo nel competitivo mondo della pavimentazione, perché siamo diversi. Con dedizione al design e alle prestazioni, dimostriamo la nostra passione e attraverso innovazioni, come il nostro sistema di resistenza all’acqua Hydroseal, dimostriamo che non abbiamo paura di fallire. Far parte di questo team vincente è ciò che guida tutti i nostri collaboratori. Il nostro team interno e il team di ciclismo potrebbero dare significati diversi alla parola ‘prestazione’, conclude Cinzia Ardito, “ma entrambi innovano continuamente per essere i vincitori nei loro rispettivi campi. A modo nostro, siamo in testa al gruppo. Questa sarà la pietra angolare del nostro successo negli anni a venire”.

OLTRE DUE DECENNI DI SFIDA AGLI STANDARD E UN TRACK RECORD IMPRESSIONANTE

Con un numero impressionante di successi, Quick-Step è diventata una delle squadre più affermate nel mondo del ciclismo. Nessun altro outfit è stato in grado di fornire un track record così impressionante, sia nei Grand Tour che nei classici. Con la stessa passione e dedizione, Quick-Step continua a sfidare gli standard nel mondo delle soluzioni per pavimenti. Grazie al suo rivoluzionario sistema a clic, alla pavimentazione resistente all’acqua e ad altre innovazioni rivoluzionarie, il marchio Quick-step è diventato sinonimo di prestazioni continue. Come in ogni partnership forte, per il successo condiviso del marchio Quick-Step e del team di ciclismo è stata fondamentale la comunanza di valori.

Eccellenza, passione, rispetto e imprenditorialità sono le qualità che hanno permesso al team di tener in testa alla classifica per così tanto tempo. Sono passati oltre vent’anni di sponsorizzazione, ma le storie eroiche che sono alla base di questi quattro valori sono qui per restare. “Ci sono troppi ricordi indimenticabili tra cui scegliere”, afferma Patrick Lefevere. “Il 2005 di Tom Boonen, in cui abbiamo vinto il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix e il Campionato del mondo, sono un ottimo esempio di quanto sia unica la nostra squadra. Iniziamo dove si fermano gli altri e le nostre vittorie nei campionati mondiali di cronometro a squadre nel 2012, 2013, 2016 e 2018 lo hanno chiarito abbondantemente. Per non parlare dell’incredibile assolo di Philippe Gilbert nel Giro delle Fiandre 2017: un’impresa davvero eccezionale che dimostra l’eroismo e il nostro spirito imprenditoriale. Non ha mai avuto paura di fallire ed è proprio questo che ci ha reso una delle squadre più affermate nel ciclismo”.

Noto in precedenza come Omega Pharma, Etixx e Quick-Step, è attivo nel professionismo con licenza UCI World Tour dal 2003 sempre sotto la direzione di Patrick Lefevere. Nel corso delle stagioni agonistiche i ciclisti della formazione si sono aggiudicati la vittoria in diverse competizioni tra cui le Classiche Monumento: Milano-Sanremo, Parigi-Roubaix, Giro delle Fiandre… La squadra ha inoltre vinto quattro volte il titolo mondiale della cronometro a squadre e la classifica a squadre del World Tour 2018 e 2019. Al Tour de France 2020 Sam Bennett si è aggiudicato la prestigiosa maglia verde nella classifica a punti. Nel complesso, gli atleti del team belga hanno conquistato novantasette vittorie di tappa nei Grandi Giri, oltre, dl podio con il secondo e terzo posto al 121° Belgian Road Championship 2020.

Saldamente radicati in Belgio, sia il marchio che la squadra di ciclismo hanno lasciato un’impressione duratura in tutto il mondo rimanendo fedeli alle loro ambizioni e sostenendo una dedizione incrollabile a un insieme comune di valori. Dal 2002, Quick-Step è title sponsor del team, affiancato via via da altri partner: “Abbiamo trovato rapidamente un terreno comune”, affermò a suo tempo Frans De Cock, ex CEO di UNILIN. “Il ciclismo è sinonimo di prestazioni, che è esattamente ciò che i nostri pavimenti hanno da offrire. Il nostro marchio è saldamente radicato in Belgio, quindi la scena ciclistica globale – che ha un tasso di interesse medio del 30% in molti paesi – è stata un ottimo modo per aumentare la consapevolezza internazionale”.

Per Quick-Step il ciclismo è più che una semplice avventura e nel tempo ha continuato a riaffermare la sua fiducia nel team. “Fin dall’inizio c’è stata un’intesa eccellente”, ricorda il team manager Patrick Lefevere. “Frans De Cock ed io eravamo entrambi determinati a stare al passo con la concorrenza senza scendere a compromessi in termini di qualità. Che si tratti di ciclismo o di pavimentazione: volevamo deliziare e affascinare il nostro pubblico offrendo il meglio. Siamo stati ambiziosi sin dal primo giorno, ma devo ammetterlo: oltre 20 anni dopo, le mie aspettative sono state superate in molti modi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

BRA (CN) – Un Doposcuola 2.0 digitale ed innovativo. E’

Dopo il lavoro fatto come Coldiretti, questa mattina ho partecipato

La Regione Veneto mette a disposizione una dotazione di 1.500.000

Ora più che mai è in emergenza. No, non giustifico

Quanto costa un kiwi, un mandarino, un’arancia? Quanto costa davvero

A chi dice che blocchiamo le opere per Genova rispondiamo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.