Raffica di terremoti nell’area etnea, sciame sismico sulle colline di Catania

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
vulcano

L’Etna torna a fare paura proprio nella Notte di San Silvestro: dalle ore 21:00 è iniziato uno sciame sismico sulle colline di Catania, tra Ragalna e Biancavilla. Le scosse si susseguono in continuazione, almeno 7 tra le 21 e le 21:30, la più forte di magnitudo 3.5 proprio alle 21:30, un’altra di magnitudo 3.2 alle 21:28, avvertite fino a Catania e a Siracusa Altra scossa di magnitudo 3.5 alle 21:58. Il vulcanologo dell’INGV Boris Behncke un paio d’ore fa ha pubblicato su facebook alcune foto del vulcano in eruzione: “Anche nell’ultima serata di questo anno complicato, l’Etna ci regala uno spettacolo bello ed innocuo: una vivace attività stromboliana alle due bocche del Cratere di Sud-Est e al cratere Voragine! Vedremo come inizierà l’anno nuovo …“. Poche ore prima, stamattina, aveva spiegato che “questa volta l’indisputata star fra i crateri sommitali è la Voragine, che per diversi mesi ha dato pochi segni di vita, ma da alcuni giorni sta gradualmente aumentando la sua attività“. Evidentemente la situazione è in fermento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Le esportazioni agroalimentari Made in Italy hanno perso 1,2 miliardi

“Il mio miraggio resta scuotere le coscienze”. È così che

Il modello dell’istruzione, da sempre fiore all’occhiello del nostro Paese,

Dopo il traguardo dello sbarco sulla luna Giorgio Panariello, Carlo

Urla da stadio hanno accompagnato l’abbattimento degli ultimi “pezzi” della

Maratona di letture per la Festa della Repubblica L’Università degli

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.