ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Rampelli (FDI): “Governo sia consapevole che la gente senza un lavoro dipendente è allo stremo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
rampelli

Quali sono i provvedimenti più urgenti cui il Governo Draghi deve adempiere?

“Reperire i vaccini necessari a raggiungere l’immunità di gregge, che allo stato non ci sono nonostante le intenzioni del presidente Draghi. Contestualmente dare una sferzata, con i giusti investimenti, alla ricerca per produrre il vaccino italiano, perché di vaccini avremo bisogno anche dal prossimo autunno e chiudere la sperimentazione sulla cura. Non è possibile puntare esclusivamente sul vaccino e trascurare invece le terapie per far guarire i pazienti affetti dal Covid 19. Sempre sul piano sanitario occorre constatare che il numero di decessi in Italia è sproporzionato rispetto alle altre nazioni e quindi occorre intervenire subito per incrementare la diagnosi precoce attraverso un nuovo impulso ai tamponi, stilare un protocollo di cura a casa che ancora non esiste, dare gli strumenti ai medici di famiglia per intervenire adeguatamente a domicilio, potenziare in tempo reale la rete ospedaliera, soprattutto al sud, anche per consentire il riavvio di quelle prestazioni sanitarie ordinarie che sono state praticamente decimate e hanno ridotto in modo inaccettabile l’efficacia della tutela della salute. Ma tutto questo non ha senso se contestualmente non si cura l’altra patologia, quella economica e sociale, riaprendo in sicurezza la gran parte delle attività sospese dallo Stato, assorbendone i costi fissi pregressi per evitare fallimenti a catena con conseguente crisi irreversibile. Intervenire con rigore sui luoghi dell’assembramento da cui dipende massimamente la curva del contagio, primi far tutti i mezzi di trasporto pubblico con termorivelatori, saponi igienizzanti, impianti di areazione, convenzioni con pulmann privati, taxi e Ncc”.

Come commenta i recenti scontri di piazza?

“Siamo stati fortunati a non avere episodi di intolleranza nei mesi scorsi e che le tante manifestazioni organizzate non siano tracimate in violenze peggiori di quella di pochi giorni fa, ferma restando la più totale condanna nei confronti di episodi simili. Chi usa violenza ha sempre torto. Ma il Governo deve essere consapevole che la gente che non ha un lavoro dipendente è allo stremo. Le misure messe in campo sono insufficienti, tardive e per certe procedure ridicole. L’unico modo per scongiurare l’accensiine di una miccia pericolosa è quella di non esasperare i lavoratori autonomi con ulteriori restrizioni e nessun indennizzo proporzionato alle perdite. Se i lavoratori dipendenti non avessero la cassa integrazione avrebbero messo in questi 12 mesi a ferro e fuoco le città. Il lavoro autonomo deve essere rispettato: o si aboliscono i costi fissi facendoli caricare allo Stato o si garantisce la cassa integrazione anche per le partite Iva o si consentono le riaperture””.

Cosa auspica in chiave elezioni amministrative?

“Ci auguriamo che i cittadini italiani capiscano che c’è bisogno di una svolta, che le ricette messe in campo dalla sinistra sono fuori dal tempo e non garantiscono la crescita economica, lo sviluppo, l’aumento della ricchezza e, conseguentemente, il soccorso delle parti più fragili della società. Ci aspettiamo un forte sostegno e una vittoria tonda”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Visite serali al Museo Palazzo Asmundo e aperitivo presso ‘Al

In questi giorni sono trapelate dalla stampa, delle conversazioni whatsapp,

Primo firmatario Antonio Mumolo: “Questo progetto di legge rafforza il

Sequestro preventivo per la sede di CasaPound in via Napoleone

appalti

«Sulla revisione delle concessioni, conviene a tutti un accordo sulla

«Avevamo chiesto discontinuità e ci hanno riproposto la fotocopia del

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.