Reddito cittadinanza a 1,041 mln di famiglie.Il 19% in Campania, il 61% al Sud

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
movimento

Principalmente al Sud e in Sicilia e in Sardegna, sono 1,041 milioni le famiglie che beneficiano di reddito o pensione di cittadinanza: lo comunica l’Inps, spiegando che l’importo medio ammonta a 493 euro.

 Al 7 gennaio 2020, fa sapere l’istituto, 1,6 milioni di nuclei hanno presentato domanda di reddito o pensione di cittadinanza all’Inps: 1,1 milioni (il 67%) sono state accolte, 88.000 (il 5%) sono in lavorazione e 457.000 (il 28%) sono state respinte o cancellate. Da aprile 2019 a oggi 56.000 nuclei sono decaduti dal diritto.

I 1,041 milioni di nuclei beneficiari sono costituiti per 916.000 da percettori di reddito di cittadinanza, con 2,4 milioni di persone coinvolte, e per 126.000 percettori di pensione di cittadinanza, con 143.000 persone coinvolte.

 I nuclei percettori si concentrano nelle regioni del Sud e nelle Isole, raggiungendo il 61% del totale, seguono le regioni del Nord con il 24% ed infine quelle del Centro con il 15%. La regione con il maggior numero di nuclei percettori di reddito o pensione di cittadinanza è la Campania (19% delle prestazioni erogate), seguita dalla Sicilia (17%), dal Lazio e dalla Puglia (9%); nelle quattro regioni citate risiede il 55% dei nuclei beneficiari.

Se si guarda alle domande accolte (1,1 milioni nel complesso) in Piemonte, Lombardia e Veneto, ci sono in totale poco più di 188.000 famiglie beneficiarie a fronte delle 210.000 della sola Campania. La seconda Regione per numerosità di beneficiari è la Sicilia (189.921) mentre l’Emilia si ferma a 39.170.

Fra i percettori 1,6 milioni nelle regioni del Sud e nelle Isole, 539.000 nelle regioni del Nord e 344.000 in quelle del Centro.

 Quanto alla cittadinanza dei richiedenti, nel 90% dei casi risulta erogata a un italiano, nel 6% a un cittadino extra-comunitario in possesso di un permesso di soggiorno, nel 3% ad un cittadino europeo ed infine nell’1% a familiari dei casi precedenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

PER IL PD AL PRIMO POSTO I BAMBINI “Il Gruppo

Il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro,

Video, foto, disegni e testimonianze: due contest per sentirci vicini.

Continua a crescere in tutta Italia il numero delle persone

Sullo spinoso tema delle agromafie, dei fitofarmaci e del caporalato

Dopo gli asili chiusi ai bambini stranieri, lo “zecche rosse

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.