REDDITO DI CITTADINANZA, CODACONS: E’ FLOP

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
soldi

SOLO 1 AVENTE DIRITTO SU 3 LO HA RICHIESTO

GOVERNO UTILIZZI RISORSE PER EVITARE AUMENTO IVA

Il reddito di cittadinanza è, almeno stando ai numeri, un “flop”. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Inps.

Al momento sono state presentate solo 1,4 milioni di domande, e i beneficiari la cui richiesta è stata accolta sono meno di 900mila – spiega il Codacons – Numeri lontanissimi dalle previsioni del Governo, secondo cui gli italiani destinatari del reddito di cittadinanza sarebbero stati 2,7 milioni.

In pratica, stando ai numeri dell’Inps, al momento solo 1 cittadino su 3 avente diritto al reddito beneficerà realmente della misura. Ciò attesta come il sussidio sia un flop e non abbia fatto breccia tra gli italiani, nemmeno tra coloro che hanno i requisiti per richiederlo – aggiunge il Codacons.

“Farebbe bene il Governo e studiare con maggiore attenzione le misure economiche a sostegno delle famiglie, utilizzando le risorse per evitare l’incremento dell’Iva del 2020, sciagura che danneggerebbe una platea enorme di italiani con effetti depressivi sui consumi, sul commercio, sull’occupazione e sull’economia nazionale” – dichiara il presidente Carlo Rienzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Un incontro importante quello di oggi – ha commentato la

Sandro Ruotolo e Paolo Borrometi hanno presentato al Consiglio di

Le assunzioni in Liguria nel primo trimestre del 2019 sono

La Fifa ha un nuovo capo dello sviluppo mondiale del

È vero che con il 5G saremo più esposti ai

Eccoci a Palazzo Grassi di Roma dove oggi è stato

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.