Reddito di Cittadinanza: come si sta preparando la Città di Torino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Appendino_

Con Sonia Schellino, Assessora al welfare della Città di Torino, volevamo raccontarvi brevemente cosa stiamo facendo sul tema del Reddito di Cittadinanza.

Come sapete, il Governo ha approvato questo importantissimo provvedimento e quindi adesso i comuni si stanno attrezzando per essere pronti per il momento in cui tutti gli aspetti del RdC entreranno a pieno regime.

È un lavoro molto impegnativo e abbiamo tutto il comune e tutte le direzioni, tutti gli assessorati coordinati ovviamente da Sonia che si stanno impegnando ma c’è grande ottimismo perché sarà uno strumento che certamente dal nostro punto di vista aiuterà a muoversi, nel cercare di dare delle risposte a chi vive disagi, chi non ha un lavoro e chi in qualche modo vuole rimettersi in gioco.

Quindi il comune sta facendo la sua parte e farà la sua parte.
Schellino: Reddito di Cittadinanza e strumenti per l’inclusione sociale

Il reddito di cittadinanza ha iniziato ad essere erogato alle perone, ci sono già le prime persone che hanno ricevuto le card con l’accredito della cifra, fino a 780 euro, secondo i criteri previsti dalla legge.

Questo anche per fare un po’ di chiarezza, perché alcune persone – che in un primo momento avevano capito sarebbero stati 780 euro tout court – pur avendo loro un piccolo reddito sono rimasti un po’ spiazzati; però questo era chiaro nella presentazione a livello nazionale ma è sempre corretto ribadirlo.

Ora, a fronte di questo importo, le persone vengono divise in due grandi gruppi: quelli grossomodo che sono disoccupate fino a 2 anni, vengono mandate direttamente ai centri per l’impiego, che provano a ricollocarli sul mercato del lavoro attraverso riqualificazione, offerte di lavoro ecc.

Tutte le persone che invece non vengono indirizzate direttamente ai centri per l’impiego vengono indirizzate in quelli che da noi ora sono i poli per l’inclusione sociale; queste persone verranno contattate prima in gruppi un po’ più grandi e poi con dei colloqui individuali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Come nuvole cariche di pioggia, e però il temporale non

Ancora protagonista Sara Dossena. L’azzurra si piazza seconda alla Stralugano

Partita l’attività pomeridiana del GET – Gruppo Educativo Territoriale rivolta

Occorre una visione per il futuro fondata sulla sostenibilità ambientale

La lettera inviata dal governatore della Campania Vincenzo Del Luca

‘MARCHE IN MOVIMENTO CON LO SPORT DI CLASSE, MONITORAGGIO’, PRESENTATI

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.