ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

REDDITO DI CITTADINANZA, VERO ARGINE ALLA CRISI SOCIALE DEL PAESE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
reddito

Durante la pandemia, con il #RedditoDiCittadinanza abbiamo aiutato concretamente oltre 1,2 milioni di famiglie. Circa 3 milioni di cittadini che, da Nord a Sud, hanno avuto lo Stato al proprio fianco in un momento di difficoltà mai vissuto prima.
Insieme agli interventi di sostegno messi in campo per lavoratori, famiglie e imprese, il Reddito ha rappresentato l’argine che ha evitato che la crisi economica causata dal Covid-19 si trasformasse in crisi sociale. Ecco perché, oggi più che mai, rivendichiamo con orgoglio di aver introdotto questa misura di civiltà.
Grazie al lavoro iniziato dal MoVimento 5 Stelle con il Conte II e portato avanti con il nuovo Governo, nel Decreto Sostegno ci saranno ulteriori risorse per finanziare il Reddito di Cittadinanza e non lasciare nessuno indietro. Risorse che servono ora, ecco perché anche oggi chiediamo di fare in fretta visto che sono passati due mesi da quando il Parlamento ha dato il via libera allo scostamento di bilancio da 32 miliardi.
Allo stesso tempo, siamo impegnati a completare il piano straordinario di potenziamento dei Centri per l’impiego e delle politiche attive del lavoro, con un investimento in capitale umano ed infrastrutture senza precedenti.
Ecco perché ci siamo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ordinanza del presidente della Regione Toscana Novità anche per cantieristica

Crescono a Milano città 7.467 positivi al coronavirus, +246 in

Non si possono fare nuovi impianti di smaltimento dei rifiuti

È incominciato in Consiglio regionale, presieduto da Stefano Allasia, l’esame

“In questo momento abbiamo bisogno di tutto, eccetto che di

MESSINA – C’è un progetto da 104 milioni di euro

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.