Reinserimento sociale dei detenuti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
_07062019060421.jpg

È proseguita ieri la missione della delegazione del Governo messicano e dell’UNODC (United Nations Office on Drugs and Crime – Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine) per conoscere l’esperienza palermitana finalizzata al reinserimento sociale dei detenuti.

Dapprima, la delegazione – accompagnata dal Sindaco Leoluca Orlando – ha visitato il cantiere di diserbo e cura del verde nella “salita Bonanno” a Monte Pellegrino, ad opera della popolazione carceraria della casa circondariale dell’Ucciardone.

“Un’esperienza – ha spiegato il Sindaco – che nasce da un rapporto formale, organico della città di Palermo, la Direzione Penitenziaria ed il Ministero della Giustizia e con l’autorizzazione del Giudice di sorveglianza. Si tratta di una procedura, assolutamente istituzionale e prevista dalla vigente normativa, che sta dentro la funzione rieducativa della pena e l’esigenza di diminuire la penosità della detenzione, con l’avvio di percorsi di reinserimento sociale dei detenuti”.

In un secondo momento, la delegazione si è spostata a Palazzo Butera dove, nel corso di una conferenza stampa, è stata illustrata un’altra innovativa forma di impegno dei detenuti per lo sviluppo, anche artistico, della città.

“Questa iniziativa – ha sottolineato il Sindaco – ha suscitato l’interesse delle Nazioni Unite e del Governo del Messico e della Polizia Penitenziaria Messicana che vogliono trasferire questo esempio nella realtà messicana. Credo che sia l’ulteriore conferma – ha continuato Orlando – di una visione fuori dalla logica degli slogan e che si esplica con azioni concrete: il teatro e la produzione di pasta all’interno del carcere dell’Ucciardone; le attività lavorative affidate ai detenuti, insieme con l’amministrazione comunale, nelle strade, nelle vie e nei parchi; la cura del carro e della statua di Santa Rosalia e – ulteriore passo avanti – la possibilità per i detenuti di apprendere arti e mestieri legati al restauro in una sede privata e prestigiosa come Palazzo Butera. Per noi i detenuti devono essere soggetti al Diritto e quindi devono scontare la pena; ma sono anche soggetti di diritti in quanto esseri umani. Questa visione – io sono persona, noi siamo comunità – che costituisce il motivo dominante della nostra Amministrazione comunale e, oggi dell’intera città, ha attirato l’attenzione dei vertici penitenziari del Messico che sono venuti in delegazione a Palermo insieme con l’agenzia delle Nazioni Unite per conoscere la nostra esperienza. Un esempio che si espande – ha concluso il Sindaco – non solo in tutta la Sicilia, grazie all’intesa tra il Ministero della Giustizia e l’Anci che io presiedo, ma in tutto il mondo, anche in un paese che appare così lontano come il Messico. È l’ennesima conferma di Palermo aperta e attrattiva, non soltanto per i turisti, non soltanto per i migranti, ma anche per coloro che vogliono migliorare la qualità della vita dei propri rispettivi Paesi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Per capire le mosse di Mario Draghi, bisogna ricostruire il

Questa estate Horca Myseria propone diverse opportunità nei mari che

Arriva il ‘malus’ nell’ rc auto familiare che, estesa a

E’ riuscito all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù il trapianto di midollo

“Presenteremo un emendamento al Milleproroghe per consentire alle associazioni no

E’ tempo di ripartenza anche nella nautica. Il segno di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.