ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Riaprire le Università

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Foto Matteo Corner - LaPressecronacaMilano 4 09 2012 Esame di ammissione alla facoltà di medicina all'università statale di  Milano Nella Foto un momento del Test

Mentre l’Italia si domanda come ripartire dopo la quarantena, sembra che il destino dell’Università pubblica non interessi a nessuno e che la sua vita possa rimanere sospesa, nel mondo virtuale in cui è stata relegata, a causa del coronavirus. Gli atenei sono sprofondati nel sonnolento ruolo che è stato assegnato loro dal governo: svolgere la docenza da casa, con lezioni e esami per via telematica, con una decisione presa dal ministero senza il rispetto della autonomia degli atenei e senza un concreto supporto. E’ vero che con questo esperimento “online” siamo riusciti a mantenere le sessioni di laurea, gli stessi orari delle lezioni pensate per l’aula o videoregistrate. Ma ci siamo scontrati con una triste realtà: in intere aree del Paese molte famiglie, con un reddito basso, prive di attrezzature informatiche adeguate, non sono riuscite in breve tempo a colmare il gap digitale. Ecco perché bisogna garantire che le tecnologie utilizzate non escludano nessuno. , come riportato in una circolare sul postlockdown del 14 aprile: si genera cosi solo incertezza nelle famiglie. Si deve perciò fare di tutto per riprendere le lezioni in presenza sin dall’inizio del nuovo semestre, garantendo semmai la didattica in remoto per gli studenti fuori sede e in difficoltà economica. Come sarebbe altrimenti possibile riprendere le attività laboratoriali e di ricerca, oppure quelle discipline impossibili da insegnare unicamente a distanza? Ed è abbastanza paradossale riaprire le librerie e tenere chiuse le fabbriche del sapere. Mentre in altri paesi le lezioni tradizionali stanno già in parte riprendendo: un nostro ritardo, come uno analogo nella ripartenza delle attività produttive, finirebbe per assicurare un ulteriore e indebito vantaggio a sistemi universitari di altri paesi. E anche il CUN il 17 aprile ha richiesto il ritorno, nel più breve tempo possibile, alla didattica in presenza. Non si lasci tutto il peso organizzativo ed economico sulla buona volontà delle singole Università. Occorre pensare a soluzioni innovative, a contingentare l’accesso agli spazi comuni, con la previsione di una ventilazione o aerazione continua dei locali, e di un tempo ridotto di sosta all’interno di questi spazi, con il mantenimento della distanza di sicurezza. Non vorremmo Università chiuse ma aperte tutta la settimana. Al tempo stesso occorre porsi il problema del costo di sorveglianti, sanificazioni, mascherine. Su chi graverà? Solo sui magri fondi del Finanziamento ordinario di ogni singolo ateneo? Questa deriva porterebbe alla fine dell’Università pubblica, che rischierebbe di diventare un’Università telematica, al pari di quelle già esistenti, e spianerebbe la strada alla sua privatizzazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

carabinieri

I Carabinieri del nucleo operativo della compagnia Milano Porta Monforte

l Comune di Monza ha ricevuto 1.710 chili di cereali

L’icona del cinema è stata ricevuta dal Direttore Eike Schmidt

Accordo inadeguato sui precari e poche risorse per tornare a

La voglia di restare uniti anche se distanti regge sui

L’evento di riferimento per il settore del franchising torna a

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.