Riders, i nuovi schiavi. Partono le prime inchieste sul lavoro senza tutele

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
rider

Con una paga da miseria – pochi spiccioli per ogni consegna- una inquetante valutazione effettuata sulla base di un algoritmo, che se ‘sei stato bravo’ ti consente di avere priorità nella scelta delle fasce orarie, un meccanismo di punizione e nessun diritto, quello dei riders è schiavismo in chiave moderna.

Da un lato sei grandi società nell’ambito delle consegne tra cui Glovo, Justeat e Uber, dall’altro lavoratori privati di qualsiasi tutela, costretti a pagare tra i peggiori compromessi pur di avere un piccolo impiego tra le mani.

Su tutto il territorio nazionale si stanno conducendo delle indagini per interrogare i riders e capire come funziona la loro attività. I carabinieri, che aspettavano i riders nei luoghi abituali di ritrovo per le consegne, hanno sottoposto 26 domande a 1.149 di loro. Repubblica, venuta in possesso dei tre fogli, racconta i dati emergenti.

Inquietante è il meccanismo della piattaforma con una funzione punitiva: “Se un riders rifiuta consegne, perchè magari ne ha fatte troppe o perchè non riesce a sostenere il ritmo, viene castigato dalla piattaforma o trattenendo parte del compenso o riducendo le chiamate e dunque la possibilità di lavoro”. Obiettivo dei carabinieri è accertare l’esistenza di un rakning attraverso il quale viene valutata la prestazione lavorativa e quale criterio e conseguenze comporta”.

Repubblica racconta che in alcuni casi i lavoratori sono seguiti a distanza e obbligati pertanto ad avere il geolocalizzatore sempre attivo, anche quando non devono consegnare. Nel caso di Uber Eat è emerso invece che i lavoratori erano costretti a pagare una sorta di fitto per la dotazione dello zaino e che veniva imposta una cauzione -ritirata nel caso di danneggiamento.

Drammatico è invece il capitolo che riguarda la tutela previdenziale. Molto spesso accadono incidenti, anche molto gravi e le società non si prendono la minima responsabilità, oppure accade che i riders vengano rapinati e siano costretti loro a rimborsare i big.

I mezzi sono quasi sempre del lavoratore e le società non si occupano né della manutenzione né di effettuare controlli. Insomma i big non si fanno carico di nulla, i lavoratori non vengono tutelati in niente, sono solo messi nella condizione di dover sottostare alle rigide regole di schiavismo perchè ‘o così o non lavori’ e ai nostri tempi, con previsioni di disoccupazione a livelli stellari, è difficile dire di no. Il governo ha messo i cittadini italiani in condizioni di disastroso bisogno togliendo loro la libertà e non è intervenuto, dando la possibilità alle grandi imprese di potersene approfittare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Due aziende della provincia di Arezzo, la COLACEM spa di

L’albero e l’uomo hanno biografie sovrapponibili, sosteneva Gibran: segno che

Alex Zanardi è stato sottoposto al terzo intervento chirurgico dopo

REGIONE LAZIO APPROVA MISURA MA CODACONS DENUNCIA: PROVVEDIMENTO FOLLE, USO

CODACONS PRONTO A PORTARE QUESTIONE IN UE POSSIBILE RICORSO A

L’#autonomia è un’opportunità per i territori affinché possano esprimere appieno

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.