Ritiro licenziamenti Malhe, Gancia: “Bellissima notizia, e ora al lavoro per un piano industriale europeo dell’auto con il Piemonte protagonista”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
gancia

La parlamentare UE della Lega e rappresentante del Piemonte a Strasburgo: “Nella nuova programmazione dei fondi industriali e sociali si ponga fine già da ora a ogni forma di concorrenza inopportuna fra gli Stati dell’Unione, che ci indebolisce nel confronto globale”

Il ritiro dei licenziamenti della Malhe, industria automotive con insediamenti strategici a Saluzzo e La Loggia in Piemonte, rappresenta una bellissima notizia alla quale si deve però accompagnare, fin da ora, l’avvio di un tavolo di livello europeo per una ripresa dell’industria automobilistica su base continentale, perché soltanto così potremo salvaguardare i posti di lavoro, la produttività e la redditività senza sacrificare nessuno di questi fattori alla competizione con gli altri grandi colossi globali a Ovest così come a Oriente della UE. Sarà necessario che si esca definitivamente da una logica nella quale molto spesso si è innescata una impropria concorrenza al ribasso fra gli Stati della stessa Unione per contendersi stabilimenti e unità produttive mentre a venire meno era la nostra competitività a livello globale associata a enormi problemi occupazionali concentrati in specifici territori impossibilitati a riconvertirsi per carenza o assenza di sostegni. Serve un tavolo europeo dell’auto nel quale il Piemonte svolga il ruolo che compete a una regione apripista in questo settore non solo in Italia, e dove le proposte delle Istituzioni locali e del cosiddetto indotto – termine in verità ingeneroso verso una pluralità di piccole e medie imprese molto innovative ma non considerate con dignità nei programmi di intervento – trovino piena cittadinanza sia nella programmazione che scatterà dal 2021, sia nella progettazione ancora attivabile nell’ultimo anno del settennato in scadenza nel 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ha superato le 32.000 firme la petizione online contro Barbara

Possiamo trarre qualche insegnamento da quello che sta succedendo intorno

Divieto di cottimo, paga minima oraria collegata ai contratti collettivi

Il 20% di compila l’Isee ai Caf Cisl Emilia Centrale

CODACONS: IN ITALIA GIA’ PRESENTATO ESPOSTO A 104 PROCURE SUL

Findus Italia, leader del mercato surgelati, ha dato il via

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.