Rivoluzione musei, l’Accademia passa agli Uffizi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
david-michelangelo

Il ministro dei beni culturali Bonisoli ha firmato il decreto che prevede l’accorpamento. Nel nuovo polo anche il museo di San Marco

FIRENZE — Nel giorno in cui in Senato si consumava il confronto tra le forze politiche per decidere se accelerare o frenare sulla crisi di governo, al Ministero dei Beni Culturali i motori non erano fermi. Anzi. Il ministro Alberto Bonisoli, infatti, proprio ieri ha firmato il ‘decreto musei’ che interviene sulla vecchia riforma Franceschini e prevede ulteriori accorpamenti e la riorganizzazione interna del Mibac approvata lo scorso 19 giugno e già passata sotto la lente della Corte dei Conti.

Il provvedimento entrerà in vigore il 22 agosto e da allora, per quel che riguarda la Toscana, la Galleria dell’Accademia, casa del David di Michelangelo guidata da quattro anni da Cecilie Hollberg, passerà sotto l’ombrello degli Uffizi insieme al museo di San Marco. Un accorpamento che mette mano all’autonomia speciale concessa nel 2014 all’Accadema che nei giorni scorsi ha sollevato più di una voce critica per la difficile gestione di un polo museale da milioni di visitatori, a partire da quelle del sindaco di Firenze Dario Nardella e dell’assessore comunale alla cultura Tommaso Sacchi. Ora il rebus riguarda la nuova direzione degli Uffizi, in scadenza in autunno con Eike Schmidt, attuale direttore, in procinto di lasciare.

La riorganizzazione prevista dal decreto introduce anche dieci Direzioni territoriali delle reti museali al posto dei Poli museali regionali: la Direzione del Piemonte e della Liguria, di Lombardia e Veneto, dell’Emilia Romagna, della Toscana, del Lazio, di Abruzzo e Molise, della Campania, della Puglia e della Basilicata, della Calabria e della Sardegna. Nascono poi i Musei Nazionali Etruschi con sede a Villa Giulia, che ricomprendono i musei etruschi e archeologici nazionali di Chiusi, Rocca Albornoz, Tarquinia, Tuscania, Cerite – Cerveteri, e le necropoli etrusche site nel Lazio, Banditaccia – Cerveteri e Monterozzi-Tarquinia e in Toscana Poggio Renzo – Chiusi, Tomba della scimmia – Chiusi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Sulla annosa e delicata questione del futuro degli ex Lsu/Lpu

Il social housing si colloca a metà tra l’edilizia popolare

Altri 10 agenti della Squadra Volanti hanno conseguito la patente

La Regione Lazio non porta bene al segretario PD che

ADUSBEF, CODACONS, CODICI E ASSO-CONSUM SI APPELLANO A PARLAMENTO AFFINCHE’

È strano, in molti sembrano non aver ancora capito chi

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.