Rocca: le persone vulnerabili al confine Grecia-Turchia non diventino strumento politico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Greece_Turkey_border_edit

“L’Unione Europea e gli Stati membri siano solidali”

Bambini, donne e uomini coinvolti nella crisi umanitaria in atto al confine tra Grecia e Turchia, nelle isole greche e nel Mar Egeo “non devono essere usati come strumento politico”. Lo afferma Francesco Rocca, Presidente della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR) e della Croce Rossa Italiana.

Parlando del deterioramento della situazione umanitaria in corso, il Presidente Francesco Rocca ha continuato: “È inaccettabile che bambini e famiglie siano esposti ai gas lacrimogeni e alla violenza o che debbano rischiare la vita nel Mar Egeo. Non staremo in silenzio di fronte a questa terribile situazione umanitaria, che potrebbe peggiorare ulteriormente nelle prossime ore e nei prossimi giorni”.

La Federazione Internazionale della Croce Rossa è profondamente preoccupata per il fatto che migliaia di persone, compresi i bambini, possano subire le conseguenze del fatto che ci sia una ondata di migranti che cercano di attraversare il confine tra Turchia e Grecia. I Governi hanno il diritto e la responsabilità di stabilire politiche migratorie e di controllare i propri confini ma è necessario, tuttavia, adottare misure per garantire che l’attuazione delle stesse non aumenti la sofferenza delle persone.

“Gli Stati membri dell’UE dovrebbero rispondere con spirito di solidarietà al recente aumento del numero di persone che cercano rifugio alle frontiere esterne all’UE. Devono farsi carico delle loro responsabilità nel proteggere le persone e nel salvare vite. I governi dell’UE non possono voltare le spalle a Turchia e Grecia. Gli Stati dell’Europa meridionale non possono essere lasciati soli. Tutti gli Stati hanno la responsabilità di proteggere le persone e salvare vite umane”, ha sottolineato il Presidente Francesco Rocca.

“Chiediamo all’UE e ai Governi nazionali di evitare un ‘uso’ dei migranti come strumento politico, al fine di garantire che i richiedenti asilo possano ottenere protezione internazionale, in linea con le leggi internazionali e dell’UE. L’accesso all’assistenza umanitaria e ai servizi essenziali, compresa quella sanitaria, dovrebbe essere garantito per tutte le persone, in particolare per i bambini e per gli altri gruppi vulnerabili “, ha concluso Rocca.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ma serve di più. Due punti su cui è ancora

Si perde nella notte dei tempi il dibattito sul far

ALATRI (FR) – Prima di parlare di questo Cristo, disegnato

AUTOSTRADE, CODACONS: STOP AUMENTO PEDAGGI PORTERA’ RISPARMI AD AUTOMOBILISTI IN

CODACONS: TARIFFE VANNO ADEGUATE A SPAZIO DISPONIBILE STABILIMENTI RIDUCANO PREZZI

Un Paese che non si arrende. È nel nostro Dna.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.