Rogo in Panarotta: i Forestali segnalano un uomo all’autorità giudiziaria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
incendio

Un uomo segnalato all’autorità giudiziaria, il sequestro di armi, munizioni e persino un lacrimogeno. È il risultato dell’attività ispettiva condotta nelle ultime ore dal Corpo forestale provinciale a seguito di un incendio che è stato appiccato nei boschi sulle pendici Sud del Monte Panarotta.
Qui ieri sera sono stati impegnati i vigili del fuoco volontari della zona accanto ai forestali dei distretti di Pergine e di Borgo Valsugana. Si è sospettata fin da subito l’origine dolosa delle fiamme e per questo sono state organizzate delle pattuglie di monitoraggio delle strade forestali e delle baite presenti in zona, finché su un fuoristrada è stato ritrovato del materiale probabilmente usato per l’innesco.
Un sospetto che il proprietario del mezzo avrebbe consolidato: da ciò, la decisione di perquisire la sua abitazione. Qui i forestali si sono imbattuti in un vero arsenale detenuto illecitamente: armi, munizioni, persino armi da guerra e un ordigno lacrimogeno. Il tutto è stato posto sotto sequestro e l’uomo, come detto, è stato segnalato alla competente autorità giudiziaria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il Piemonte non ha bisogno di nuovi inceneritori, bisogna invece

Niente partita con il Potenza, il Catania torna alla base.

Quasi 13 anni dopo la fine del loro matrimonio, l’ex

Seguendo l’esempio virtuoso del MoVimento 5 Stelle in altre regioni,

“Non c’è ambiguità nella destra italiana?”. Lite in diretta fra

LONDRA– Un cordone pacifico di attivisti di Greenpeace ha bloccato

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.