ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Roma, Baldassarre (Lega): “Pugno duro per contrastare violenza a Termini e Tiburtina”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
118768063_719265685296201_4074593273874168318_n

“Gli ultimi episodi di cronaca nera riguardanti la Capitale creano sgomento e destano estrema preoccupazione. Le stazioni ferroviarie di Roma sono sempre più luoghi dove vige la legge del più forte, in cui orde di criminali di ogni etnia compiono scorribande e furti ai danni dei passanti e in cui le donne sono vittime di assalti sessuali. Una situazione non ulteriormente tollerabile”.

Così in una nota l’europarlamentare della Lega, Simona Baldassarre. “Alla stazione Tiburtina – prosegue – un nigeriano ha tentato di violentare una capotreno in pieno giorno, mentre nelle vie adiacenti a Termini una ragazza è stata bloccata e rapinata con la forza per pochi euro e due pacchetti di sigarette. La sindaca Raggi in oltre quattro anni non ha fatto nulla per rendere più sicuri questi ‘buchi neri’ della città, mentre la ministra Lamorgese, probabilmente, è troppo impegnata ad accogliere tutti i barconi del Mediterraneo piuttosto che occuparsi della criminalità nella nostra Capitale. Chiediamo maggiore presenza dello Stato per presidiare questi luoghi abbandonati, esigiamo ferme azioni di repressione della criminalità, atte anche a contrastare, con ogni mezzo possibile, tali brutali episodi di violenza sulle donne. È necessario un giro di vite – conclude Baldassarre – perché Roma non è mai stata così pericolosa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Riconoscimento di Donald Tusk a Giuseppe Conte. Il presidente del

scuola

A pagare per i giochi di palazzo, tanto, sono sempre

Sì è presentato davanti al giudice come un semplice #rider

Nel 2020 la pandemia da Covid -19 è costata all’italiano

«Altro che Libertè, Egalitè, Fraternità : sfruttate gli africani, pagate

musumeci

«Una decisione epocale che ci consente di restituire finalmente efficienza

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.