Ronaldo e Dybala, la Juve passa a Bologna

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
juve

La Juventus riprende a correre e riscatta, per quanto possibile, la sconfitta in Coppa Italia contro il Napoli.

Il successo esterno per 2-0 contro il Bologna nella 27^ giornata di Serie A non e’ mai in discussione per gli uomini di Maurizio Sarri, che chiudono i conti nel primo tempo con il rigore di Cristiano Ronaldo e la perla di Dybala.

Un Dall’Ara privo di ogni tipo di incitamento, esclusi quelli mai contenuti di Sinisa Mihajlovic, non agevola il tentativo d’impresa della squadra rossoblu’ che rimane comunque con un margine rassicurante sulla terzultima in classifica (Lecce a -9). I campioni d’Italia in carica si confermano al comando della Serie A e allungano momentaneamente sulla Lazio (+4), che mercoledi’ e’ attesa dal probante test con l’Atalanta.

La trasferta di Bologna sorride alla Juventus sin dai primi minuti: si nota un approccio decisamente differente rispetto alle due gare di Coppa Italia, a partire dallo stesso Ronaldo che al 6′ trova l’opposizione di Skorupski su un destro insidioso dal limite.

L’episodio che indirizza il primo tempo – e in qualche modo la partita – e’ la trattenuta ingenua di Denswil ai danni di De Ligt in area: Rocchi si corregge, andando al monitor del Var e assegnando il penalty al 23′. CR7 e’ piu’ affamato che mai e rompe gli equilibri dal dischetto con un tiro centrale. La reazione rossoblu’ e’ timida e gli unici brividi provengono dal piede ballerino di Szczesny in fase di impostazione.

Al 36′ ecco il colpo del ko firmato da Paulo Dybala: tacco geniale di Bernardeschi per l’argentino, che prende la mira e piazza un sinistro perfetto sotto l’incrocio dai 25 metri.

L’avvio di ripresa e’ ancora a tinte bianconere: protagonista Bernardeschi da posizione defilata con una traiettoria imprendibile che va a stamparsi sul palo. Polemiche ed episodio dubbio invece nell’area ospite: De Sciglio rischia calciando pallone e Barrow in area di rigore. Tutto regolare per Rocchi a mezz’ora dal fischio finale. Le forze fresche messe in campo da Mihajlovic non cambiano le sorti della contesa.

Nel finale Ronaldo segna anche il terzo gol, ma l’arbitro annulla per il fuorigioco di partenza di Douglas Costa. Poi il Danilo bianconero lascia i compagni in dieci facendosi ingenuamente espellere. Ma la Juve vince e ora tocca a Simone Inzaghi rispondere e tenere in vita la lotta scudetto piu’ equilibrata degli ultimi anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sotto i riflettori, ancora una volta, “Autismo in Blue Jeans”

“Abbiamo un territorio composito, che delle sue tante diversità può

“Ragionare senza totem e tabù”, per arrivare ad una sintesi

“La Lega presenterà una interrogazione, un esposto ad Agcom e

Il mondo della moda piange Giovanna Borbonese, figlia di Umberto

Sono 57.083 le imprese agricole italiane condotte da under 35

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.