Ronaldo mette a disposizione alcuni suoi hotel come ospedali in Portogallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ronaldo

Il famoso calciatore Cristiano Ronaldo ha deciso di mettere a disposizione i suoi hotel in Portogallo come ospedali di fortuna per aiutare le persone che hanno contratto il coronavirus, riporta Marca.

Secondo Marca, Ronaldo è ora in quarantena nella sua casa a Madeira.

L’atleta ha deciso di dare il suo contributo alla lotta contro il coronavirus dopo che il suo compagno di squadra, Daniele Rugani, è risultato positivo al COVID-19.

L’eminente calciatore non ha intenzione di tornare in Italia, dove l’infezione si sta diffondendo molto attivamente, riporta Marca.

L’illustre attaccante è pronto a pagare tutte le spese necessarie per sostenere il lavoro degli ospedali aperti, compreso il pagamento di stipendi al personale medico.

Come spiega 360, Ronaldo stesso è in quarantena. Era già arrivato in Portogallo per il compleanno di sua sorella. Successivamente, si è saputo che il suo collega della Juventus italiana, Daniele Rugani, aveva contratto il coronavirus, cosa che lo ha costretto a rimanere nella sua villa a Madeira.

Ora in Portogallo ci sono “solo” 245 infetti. Tuttavia, questo numero potrebbe aumentare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Lo aveva difeso nel caso del motorino in acqua, ennesima

Approvata  con il voto di fiducia alla Camera, la legge

Una mega evasione dell’imposta sul valore aggiunto pari a circa

L’operazione “Fonte di Pace” condotta dalla Turchia non è solamente

“Mi appello alla sensibilità di tutte le forze politiche affinchè

USSEGLIO (TO) – Due weekend per gli amanti della cultura

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.