ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Rotondi (FI): “Conte si mette di traverso al disegno politico di Renzi, ai tempi della Dc si sarebbero messi d’accordo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
rotondi

Gianfranco Rotondi, vicepresidente dei deputati di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sulla possibile crisi di governo. “E’ una questione democristiana –ha affermato Rotondi-. Conte, da capo del governo, ha fatto un miracolo: è stato espresso dal partito dell’anti-politica, del populismo programmatico, poi con i toni, con il linguaggio, è riuscito a guadagnare il rispetto anche del mondo moderato. Questo evidentemente preoccupa Renzi, perché lui è uscito dal PD per edificare una forza uguale a quella di Macron, nelle sue intenzioni. Una sorta di Dc che non sta né a destra né a sinistra, ma prende i voti da entrambi. Questo è il sogno di Renzi. Noi possiamo prendercela con Renzi perché mette sotto i tacchi gli interessi del Paese e può trascinarci in una crisi, però che lui abbia un disegno e che Conte si metta di traverso a questo disegno mi pare evidente. Ai tempi della Dc Conte e Renzi si sarebbero messi d’accordo, Moro e Fanfani si detestavano forse più di Conte e Renzi però convivevano e proseguivano il miracolo economico di De Gasperi, questa è la missione degli statisti e dei grandi leader politici. Sono sicuro che Berlusconi questo coraggio lo avrebbe. Manca la continuità della presenza di Berlusconi, la pandemia lo ha costretto ad alcune cautele che non sono state sufficienti ad evitargli il covid. Berlusconi è tonico, lucido e più che mai interessato ai destini del Paese. Purtroppo Forza Italia è legata ad un rapporto anche fisico con lui, il fatto che non sia presente rallenta quei miracoli berlusconiani che prima si facevano in una settimana, ora dovremo aspettare qualche mese. Qualcuno aveva detto che io stessi organizzando i responsabili, chi lo ha fatto è stato Denis Verdini ma la sua iniziativa non ebbe molto successo, quindi l’ultimo dei miei pensieri è quello di appoggiare governi di cui non faccio parte. La cosa certa è che con Conte Forza Italia dovrebbe ragionare. Alcuni in FI sono cresciuti cantando Menomale che Silvio c’è, adesso sono in fila per due da Salvini che gli darà un calcio nel sedere”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono ormai di dominio pubblico e stanno facendo i giro

I terremoti in Artico potrebbero contribuire al rapido riscaldamento nella

I cittadini romani sono stanchi e l’immagine della Capitale che

I luoghi di lavoro italiani sono stati un veicolo di

Nonostante l’aumento della quota delle tredicesime disponibile per i consumi

Attraverso una serie di provvedimenti, che hanno previsto anche limitazioni

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.