ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Rula Jebreal: “Silvia Romano andava protetta”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
rula

“Silvia andava protetta, le autorità e le istituzioni avrebbero dovuto farlo. Purtroppo così non è stato. Sono state divulgate anche informazioni sensibili che, per motivi di sicurezza, non avrebbero mai dovuto essere di dominio pubblico”. Non è tenera Rula Jebreal nel commentare la gestione del rientro in Italia di Silvia Romano, la cooperante italiana rapita in Kenya e liberato dopo 18 mesi.

“L’incitamento all’odio e alla violenza – aggiunge la giornalista – sono sintomi di una malattia grave che può prendere nomi diversi: sessismo, razzismo e islamofobia. Silvia rischia di essere oggetto di violenza, è stata minacciata e girerà sotto scorta. Esattamente come viveva in Somalia. Penso tuttavia che questi sentimenti da condannare e da contrastare con assoluta fermezza siano espressione di una sola parte del nostro Paese, perché la maggioranza delle donne e uomini italiani non la pensa così”. Quanto all’autenticità della conversione di Silvia Romano, Jebreal sottolinea: “Non spetta a nessuno mettere in discussione le scelte personali di una giovane donna. Silvia ha il diritto di elaborare in serenità non solo i suoi traumi ma anche le sue scelte”. A chi ha criticato il pagamento del riscatto, la giornalista risponde: “Considerare uno ‘spreco’ di soldi quelli spesi per salvare una vita è, a mio avviso, un’argomenta di chi ha perso l’umanità”. Mentre del senatore leghista che è arrivato a definire Silvia Romano “noeoterrorista” dice: “In America sarebbe stato denunciato per discriminazione religiosa”. Infine, sul velo che copriva anche il capo di Silvia al suo rientro in Italia: “Nei Paesi liberali e democratici il velo è segno di inclusione e tolleranza. Nei Paesi che invece lo rendono obbligatorio diventa un simbolo di oppressione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ostia sarà una priorità per il nuovo questore di Roma

“Ho presentato un’interrogazione al ministro del Lavoro Andrea Orlando per

Sestina a sorpresa per il Premio Strega 2020. A guidare

parco

Dieci ragazzi di Anffas Tione di Trento hanno inaugurato ieri

“Addio Cesare Maestri, grazie di aver onorato Trento e il

Cancellare i decreti sicurezza. È quanto ha votato ieri a

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.