Ryanair: “Con fila centrale vuota non torneremo a volare”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ryanair

Il proprietario di Ryanair ha bocciato su tutta la linea le nuove regole per il trasporto aereo, ritenendole insostenibili da un punto di vista economico per le compagnie.

Il numero uno di Ryanair, Michael O’Leary si è mostrato estremamente scettico in merito alle regole che, con tutta probabilità, entreranno in vigore nel settore dei trasporti nella fase due e che dovrebbero imporre di lasciare vuota la fila centrale degli aerei.

“L’obbligo di tenere vuota la fila centrale degli aerei è un’idea idiota, così non riprenderemo a volare affatto”, ha tuonato il proprietario di Ryanair, chiarendo che, per quanto riguarda gli scali italiani, verrà data priorità agli hub che assicureranno i vantaggi più significativi sulle tasse aeroportuali.

O’Leary, nella sua intervista al Financial Times, ha osservato che tali norme non sarebbero sostenibili per la compagnia aerea:

“Non possiamo guadagnare con una riduzione del 66% del carico. Anche se lo facessimo, la fila centrale non garantisce alcun distanziamento sociale, pertanto è un’idea idiota che non porterebbe comunque a nulla”, ha concluso.

Con la riapertura, in diversi Paesi del mondo tra cui l’Italia, i governi stanno valutando delle nuove regole da introdurre per garantire il distanziamento sociale e la sicurezza sanitaria.

Tra queste figurano la misurazione della febbre prima del decollo e dopo l’atterraggio e il divieto di occupare la fila centrale degli aeromobili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Per sostenere la ripresa servono bond comuni “emessi per uno

La consegna di pacchi dono ai poveri di Milano da

Non accetto che si metta in caricatura una proposta sindacale

L’origine della recente pandemia, così come la crisi climatica e

TRIESTE – Va al pianista Luca Chiandotto e al clarinettista

“La mia posizione è che il 4 maggio si possa

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.