Salone auto Torino: Fornaro, amministrazione Appendino incapace

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
fornaro

La vicenda del Salone dell’Auto è l’ennesima dimostrazione del fallimento politico dell’amministrazione Appendino, incapace di gestire e di dare una prospettiva alla città di Torino. L’ennesimo episodio di un provincialismo minimalista che rischia di marginalizzare Torino a tutto vantaggio di Milano. Le dichiarazioni del vicesindaco sono stupefacenti. Torino negli anni scorsi era riuscita a fare una operazione unica studiata in tutto il mondo: passare da città industriale monomarca a città che ha puntato sul turismo, sulle grandi manifestazioni ed eventi. Un volano importante sia dal punto di vista occupazionale che di Pil. Una eredità e un patrimonio buttato a mare in pochi anni di amministrazione Appendino. Mi auguro che questa amministrazione volga al termine nel più breve tempo possibile per il bene della città e dei torinesi.

Lo afferma il capogruppo di LeU Federico Fornaro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La Protezione civile della #RegioneCampania ha emanato un avviso di

# Massafra(Taranto) : Assegnati i riconoscimenti alla 22° edizione del

L’invito del Ministro dell’Istruzione Fioramonti rivolto ai dirigenti scolastici con

“Giorno dopo giorno assistiamo al diario del dramma psicologico del

“Questa idea che ognuno si debba difendere da solo e

Oggi la direzione aziendale di Fca ha comunicato al comitato

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.