SALVATI 200 CANI IN COREA DEL SUD: ERANO DESTINATI AL MACELLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
123165961_1561161250757631_5511788524506262047_o

Sono ancora tanti, purtroppo, i cani che nel mondo vengono allevati e uccisi, ma la storia di oggi è fortunatamente a lieto fine.

Siamo in Corea del Sud, dove nel 2018 una storica sentenza proibiva l’uccisione del miglior amico dell’uomo, in aperto contrasto con le antiche tradizioni culinarie del Paese.

Antiche, ma purtroppo non ancora del tutto abbandonate: nonostante l’84% della popolazione coreana affermi di non mangiare o voler mangiare carne di cane, e il 60% sia a favore di un divieto legislativo sul suo commercio, persistono gli allevamenti più o meno clandestini.

Fortunatamente, uno di questi è stato recentemente sgominato dalla Human Society International, che in un vero e proprio blitz ha salvato da morte certa quasi 200 cani destinati alla macellazione.

Gli animali si trovano ora sul suolo statunitense, dove stanno ricevendo le cure veterinarie e l’amore dei volontari: l’obiettivo è trovare a tutti loro una famiglia in cui poter vivere, finalmente, liberi e felici!

— Tiziana Beghin

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Vele al Terzo e Basta plastica in MARE, in collaborazione

Dal 4 maggio hanno ripreso a lavorare il 70% di

Revisionati gli impianti di piazza San Domenico e del sagrato

Sette milioni di persone muoiono ogni anno per problematiche riconducibili

“Cosa fa una mascherina? Blocca le goccioline respiratorie provenienti dalla

In Lombardia i numeri della pandemia risalgono. Secondo i dati

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.