Salvini al WSJ: “Spero che Trump venga rieletto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
netanyahu-trump-690x362-1-640x336

“Ero uno dei pochi politici italiani che credeva nella sua vittoria e che ha fatto il tifo per lui quattro anni fa. E continuo a credere che sia stato un buon presidente e spero che venga rieletto”. Così il leader della Lega Matteo Salvini in un colloquio sul Yhe Wall Street Journal dove affronta temi di politica internazionale come le elezioni americane e tematiche ma anche questioni legate alla politica italiana.
“Su alcune questioni internazionali – prosegue l’ex ministro dell’Interno – come le relazioni con la Cina, con l’Iran e la stretta relazione con Israele – abbiamo la stessa identica opinione”. Se io fossi primo ministro, Gerusalemme sarebbe riconosciuta come capitale di Israele dal mio governo e le relazioni con Cina e Iran sarebbero sospese.
Il leader della Lega affronta anche il tema europeo: “Il nemico del sogno europeo è la burocrazia di Bruxelles. Non è Salvini. Questa burocrazia europea ha tradito il sogno europeo.
Il trattato fondante della UE aveva stabilito la piena occupazione come sua priorità. Quindi il lavoro – che è teoricamente materia della sinistra, ma di cui i socialisti si sono dimenticati – la piena occupazione e, aggiungerei io, anche famiglia e immigrazione”.
Non mancano i passaggi sul processo di Catania che – ricorda il WSJ – potrebbe costargli fino a 15 anni: “Penso che il processo finirà in niente. Durante il mio mandato come ministro, abbiamo dimezzato il numero di morti e dispersi in mare”.
Salvini scommette sul voto prima del 2023: “Più che i politici, sarà la società a far saltare questo governo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

«Perché loro no?» Se lo chiede Forza Italia dove ‘loro’

Il console generale cinese di Houston Cai Wei ha affermato

CARO CONTE, IL TURISMO ESIGE LIQUIDITA’ SUBITO, NON LACRIME POSTUME!

“Sono state depositate le motivazioni della sentenza della Corte costituzionale

“Noi continuiamo a tenere alta la guardia. La scelta per

“Un gesto straordinariamente bello, un gesto d’amore” ma dal punto

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.