ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Sanatoria, Rampelli: Ufficio immigrazione rischia corto circuito

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
-immigrazione-716x393

“Il mega condono di 600 mila immigrati firmato dal governo oltre ad alimentare il capolarato e lo sfruttamento del lavoro nero, rischia di mandare in corto circuito l’Ufficio Immigrazione, che dai primi di giugno – come denunciato dal Sindacato Autonomo di Polizia – dovrà accogliere migliaia di procedure per la sanatoria. Chiediamo al ministro dell’Interno Lamorgese se è previsto – così come annunciato dal Sap – il supporto per gli uffici di circa 900 lavoratori interinali e che tempistiche ci sono per il loro utilizzo. E’ evidente che l’assenza di personale produrrebbe un caos infinito per l’esecuzione delle pratiche, così com’è altrettanto vero che per sopperire alla mancanza di personale si dovranno distrarre risorse sguarnendo altri servizi che hanno già organici ridotti. Lamorgese dia certezze, una volta tanto agisca in anticipo e prevenga l’emergenza”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’assessore Leone si faccia garante della legalità e assicuri il

maltempo

Cambio radicale delle condizioni meteo con l’inizio della prossima settimana.

edilizia

GENOVA – Prosegue la crisi nel settore delle costruzioni, decimato

L’IVA non aumenterà. Abbiamo lavorato duramente per scongiurare una tassa

Sostanzialmente neutrale sul piano macroeconomico (andiamo sul tecnico: per valutare

La pandemia “ha dimostrato ancora di più la fragilità, dal

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.