Sanità in Liguria: cronaca di un fallimento annunciato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
salute                                          dini-che-rinviano-o-riunciano-cure-fratoianni-emergenza-sociale-basta-propaganda-governo_sanità-1500x1063

Genova –  Si è conclusa questa settimana la trattativa con l’Assessore regionale Sonia Viale sul riordino del sistema sanitario in seguito alle ripetute richieste di Cgil Cisl e Uil.

L’epidemia Covid in Liguria ha avuto conseguenze pesanti. Hanno perso la vita 1556 persone, 400 in più delle vittime registrate in Toscana.

Il dibattito che si sta sviluppando a livello nazionale (ed europeo) conferma che hanno resistito meglio alla crisi i sistemi a prevalenza pubblica e quelli con una fortissima sanità territoriale.

Nella nostra regione si è fatta la scelta contraria: privatizzazione degli ospedali e svuotamento del territorio, con la sola eccezione della programmazione delle Case della Salute in Asl3 grazie alla mobilitazione dei sindacati e di migliaia di cittadini.

Così abbiamo assistito, durante l’emergenza, al ricorso massiccio all’ospedalizzazione e, quando gli ospedali erano saturi, al sostanziale abbandono davanti alla malattia. Non è andata meglio alle persone più fragili, costrette in strutture a causa della loro non autosufficienza, che hanno pagato il prezzo più alto, insieme ai lavoratori del settore. Carenza nella fornitura dei dispositivi e incapacità di pianificare le attività di prevenzione, screening e tamponi, hanno avuto un ruolo rilevante.

Ma non sta andando meglio il ritorno alla “normalità”. CUP intasati, difficoltà a prenotare prestazioni di qualsiasi tipo, lavoratori allo stremo e una totale assenza di organizzazione.

Dopo anni di denuncia, di richieste e sollecitazioni, abbiamo ottenuto un confronto con l’Assessore, appena concluso, con l’obiettivo di sollecitare per l’autunno, in caso il virus tornasse a far paura, soluzioni efficaci, potenziamento dell’assistenza domiciliare, predisposizione di un’efficace campagna vaccinale, revisione del ruolo dei Medici di Medicina Generale.

Nessuna risposta. Nessun ripensamento, conferma del percorso di privatizzazione degli ospedali e nessuna idea per il futuro.

E intanto le assunzioni procedono a rilento per l’incapacità dei vertici di Alisa di organizzare i concorsi e le selezioni, i lavoratori non ce la fanno più e le persone o rinunciano alle cure o sono costretti a rivolgersi al privato.

Abbiamo provato dall’inizio alla fine della legislatura a confrontarci per cambiare le cose.

Ora l’Assessore non può più dire che mancano le risorse, i soldi per investire ci sono, prendiamo atto che, sulla sanità, a questa Giunta mancano proprio le idee.

La Cgil continuerà la battaglia per difendere una sanità pubblica di qualità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Medici e infermieri con i loro camici bianchi e le

Brutte notizie dall’Ungheria dove il Parlamento ha respinto la ratifica

“Siamo stati noi a far entrare nel governo Lega e

Allagamenti e disagi a Milano, con il Seveso esondato e

re donne e tre uomini al tavolo della presidenza, su

Il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha scelto

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.